Live Sicilia

Riaperto l'asse dei servizi

Fiamme e desolazione VIDEO
Pogliese: "Stato di calamità"

VOTA
0/5
0 voti

Catania, danni, incendi, Cronaca


CATANIA. Dopo la paura, la conta dei danni. Alla Plaia di Catania, all'indomani del violento incendio che ha distrutto alcuni stabilimenti balneari e decine di auto e spinto i bagnanti in mare per la paura, è il giorno dei primi bilanci. Ombrelloni, sdraio, cabine in legno distrutti dal fuoco. Alberi e altissime palme bruciati. Il boschetto della Plaia devastato con alcuni focolai ancora accesi, dai quali si alzano colonne di bianco, tenuti sotto controllo da vigili del fuoco, forestale e protezione civile. Accanto un grosso impianto di distribuzione di carburanti sfiorato dall'incendio. Un forte odore acre di bruciato che arriva fino al centro della città.

E' uno scenario da 'the day after' infernale quello di oggi alla Plaia di Catania nel quale si innesta quello da "ordinaria amministrazione": centinaia di bagnanti che, zaini in spalla e borsoni e buste in mano, si apprestano ad affollare la spiaggia sabbiosa del litorale. Si guardano attorno, scattano foto e filmano con i cellulari e poi via verso il lido. Il Lido Europa è stato totalmente devastato: VIDEO.
Sulla spiaggia c'è già gente stesa al sole in una giornata che meteorologicamente si annuncia calda, ma non torrida come quella di ieri. E ci sono le prime persone in mare, ma questa volta per fare il bagno e non per sfuggire alle fiamme.

Il sindaco Salvo Pogliese ha chiesto lo stato di calamità: GUARDA L'INTERVISTA.

Alle 12.30 si è svolta la conferenza stampa con il capo dei vigili del fuoco Fabio Dattilo, che stamattina ha svolto un sopralluogo alla Plaia. "Ho una buona notizia per gli incendi di bosco: ieri ho firmato con il Comune di Catania un atto che da' la possibilità all'Ente di finanziare ore di straordinario per formare squadre di vigili del fuoco per la città metropolitana. Aspettiamo anche la convenzione con la Regione che non abbiamo ultimato", ha detto.  "L'emergenza di Catania è vera e andrebbe vissuta sul piano della prevenzione. E' evidente che un incendio, come è apparso a me di modeste dimensioni, su un campo di erba secca genera dei danni che sono assolutamente prevedibili. Invitiamo tutti gli enti - ha aggiunto - a fare prevenzione, dallo sfalcio del l'erba alla cura della propria proprietà, avendo in mente dei principi di prevenzione incendi che in questa città sono ben conosciuti, soprattutto quando c'è caldo. Bisogna giocarsela assolutamente sulla prevenzione".

"L'incendio e' stato affrontato come da procedure. Gli uomini sono arrivati, non c'e' stato neppure un ferito, tranne un vigile del fuoco che ha accusato problemi respiratori, che oggi ho sentito e sta benissimo. Dire che i vigili del fuoco a Catania sono troppo pochi è esagerato. Nei piani del ministero, anche per Catania è previsto un potenziamento", ha detto il capo del corpo nazionale dei vigili del fuoco, Fabio Dattilo. "Sull'incendio di ieri qualche riflessione va fatta, perché le fiamme erano in punti sparuti e questo merita un approfondimento per capire se c'é stata una serie di atteggiamenti colposi o qualche atteggiamento di natura dolosa. Per dare delle certezze - ha detto - c'é bisogno di fare delle indagini. Io non ne ho di certezze. La squadra di Polizia giudiziaria del comando di Catania sta lavorando, e se avrà certezze le riferirà all'autorità giudiziaria".  "Guardando le immagini di ieri, con le fiamme alte, mi aspettavo dei danni maggiori. Ci sono stati, sono strutturali, importanti, ma di incendi ben peggiori nella mia vita da vigile del fuoco ne ho visti. Il fatto che vi fossero dei bambini e gente che era in vacanza - ha aggiunto - ha avuto un impatto mediatico che mi ha portato qui piuttosto che andare a Pescara, dove ieri l'ospedale era pieno d'acqua e fino a notte fonda avevamo il timore che vi fosse qualche persona rimasta all'interno di qualche macchina". Gli interventi a Catania e Pescara, sottolinea, segnalano la necessità di "una attenzione maggiore da parte delle autorità in questo cambio del clima".

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php