Live Sicilia

Il pronunciamento

Mafia, il Tar giudica inammissibile
ricorso su scioglimento Trecastagni

VOTA
0/5
0 voti

scioglimento, tar, trecastagni, Cronaca
TRECASTAGNI. È stato dichiarato inammissibile dal Tar del Lazio il ricorso proposto dall'ex amministrazione comunale di Trecastagni, con in testa l'ex sindaco Giovanni Barbagallo, per contestare gli atti che nel maggio dello scorso anno portarono allo scioglimento del Consiglio comunale per ingerenze della criminalità organizzata; e tutto ciò, essendo stato il ricorso notificato quando la scadenza naturale del mandato elettorale era già intervenuta, e quindi non avrebbe potuto portare a un'eventuale reintegrazione delle cariche. I ricorrenti si erano opposti alla dichiarazione d'improcedibilità, ritenendo di avere interesse all'affermazione dell'illegittimità dei provvedimenti impugnati che legavano la loro gestione e le loro persone alla criminalità di stampo mafioso. Per il Tar "non è contestato che la scadenza naturale del mandato dei ricorrenti debba ricondursi al giugno 2018", da aggiungere alla circostanza che "i ricorrenti hanno notificato il ricorso solo in data 13 luglio 2018, ossia quando la scadenza naturale del mandato elettorale (giugno 2018) era a quella data già intervenuta, sicché il ricorso deve essere dichiarato inammissibile per carenza d'interesse a ricorrere ab origine ai fini della reintegrazione nelle rispettive cariche".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php