Live Sicilia

operazione Gisella

I Tuppi e le intestazioni fittizie
Emanuele Agosta ai domiciliari

catania, tribunale riesame, catania tribunale riesame, tuppi emanuele agosta

Il Tribunale del Riesame ha modificato la misura cautelare nei confronti dell'indagato.

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA - Ha lasciato il carcere ed è tornato a casa agli arresti domiciliari. Il Tribunale del Riesame, collegio presieduto dal giudice De Masellis, ha modificato la misura cautelare emessa dal Gip nei confronti di
Emanuele Agosta, accusato di trasferimento fraudolento per due attività commerciali, una macelleria e una discoteca di Motta Sant'Anastasia, nell'ambito dell'operazione Gisella, che nelle scorse settimane ha azzerato i due gruppi mafiosi del clan Nicotra di Misterbianco.

Il difensore, l'avvocato Salvo Leotta, ha portato nel corso dell'udienza in cui erano presenti anche i due pm titolari dell'inchiesta, Marco Bisogni e Assunta Musella, una corposa documentazione che attesta l'avvenuta chiusura dei due esercizi commerciali. Un elemento che ha avuto il suo peso nella scelta della misura custodiale stabilita dal Riesame, che ha ha ritenuto idonea quella dei domiciliari. L'apparato probatorio e accusatorio non è stato intaccato, la questione è inerente le esigenze cautelari.

Resta invece in carcere Domenico Agosta, accusato anche di associazione mafiosa. Farebbe parte della cosca dei Nicotra, legata ai Mazzei di Catania.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento