Live Sicilia

l'analisi

Librino e il controllo dello spaccio
I retroscena dopo la sparatoria

librino, catania librino sparatoria, spaccio librino sparatoria

Sabato sera il civico 21 di viale Moncada è stato trasformato in una zona di guerra.

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA - La quiete dopo la tempesta. Ma è tutta apparenza. A Librino dopo la sparatoria di sabato sera si è aperta la 'stagione dell'attesa'. Quella che segue ogni azione armata. La Squadra Mobile di Catania sta indagando. E gli accertamenti sono serratissimi. Lo scopo è quello di ricostruire la dinamica e far scattare le manette a chi lo scorso weekend ha trasformato il civico 21 di viale Moncada in una zona di guerra. E forse dietro la raffica di pallottole, decine i bossoli trovati sull'asfalto dalla polizia scientifica, ci potrebbe essere una tensione tra gruppi di spaccio. Magari qualche giovane testa calda ha deciso di superare alcuni confini e smerciare droga senza autorizzazione? Oppure qualche conto non è tornato?

Questa volta lo stile è stato quello dell'avvertimento. Nessun morto. I due ventenni feriti, uno alla spalla e uno al braccio, stanno bene. Quella sera si sono trovati accerchiati da gente armata, forse ragazzi del quartiere. Ma non è detto. Perché le indagini degli ultimi tempi fanno capire che molta manovalanza per le piazze di spaccio di San Cristoforo proviene proprio da Librino. Il blitz Stella Cadente ne è la prova. E se qualche 'cane sciolto' avesse fatto qualche passo falso? I 'giovanotti' della droga, quelli che si atteggiano a boss, potrebbero aver risposto con le pistole fumanti.

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento