Live Sicilia

veglia di preghiera

Strage Sri Lanka, Catania
non dimentica Haysinth

attentati sri lanka, catania attentati sri lanka, veglia di preghiera sri lanka catania

Commovente commemorazione ieri pomeriggio nella chiesetta di piazza Ogninella.

VOTA
0/5
0 voti

Haysnth Tupasingha, vittima attentato



CATANIA - Ricordata ieri pomeriggio nella chiesa di Santa Maria dell’Ogninella, nel centro storico del capoluogo etneo, la figura di Haysinth Rupasangha la donna di 56 anni deceduta in Sri Lanka durante gli attentati terroristici. La donna era nel suo paese d’origine per le festività pasquali, lavorava e viveva da oltre 25 anni a Catania. Ieri intorno alle 18,30 si è celebrata una messa di cordoglio e tutta la comunità cingalese si è riunita presso la chiesetta di piazza Ogninella, alle spalle di piazza Università, per ricordare la figura della loro concittadina.

LE FOTO

Presente il console dello Sri Lanka della Sicilia e della Calabria Ugo Vassallo. “La nostra comunità conta, in Sicilia, circa seimila cingalesi – dice il console Vassallo – a Catania sono tremila e ottocento, praticamente la comunità più grande nell’isola. E sono quasi tutti provenienti da Colombo e Negombo le città dello Sri Lanka colpite dagli attentati terroristici”. La comunità cingalese in Sicilia si divide tra Palermo e Catania. A Palermo si trovano cingalesi provenienti dalla parte nord dello Sri Lanka, Tamil. A Catania, invece, sono molto numerosi i nuclei provenienti dalla parte sud dell’isola dello Sri Lanka. “Un momento tragico e nessuno si aspettava una cosa del genere – continua il console – certo lo Sri lanka ha visto una lunga scia di sangue durante la guerra Tamil, ma nessuno poteva immaginare un ritorno di attentati contro i civili di questa portata”.

assessore Lombardo alla veglia di preghiera



Presente, in rappresentanza del comune di Catania, l’assessore Giuseppe Lombardo. La funzione religiosa è stata officiata da Monsignor Genchi e dal Cappellano della comunità cingalese a Catania Michele Fernando. “C’è bisogno di aiuto da parte della comunità internazionale per ricostruire le chiese e i luoghi di aggregazione distrutti dagli attentati – dice il Cappellano della comunità singalese – e per le famiglie coinvolte che hanno perso i loro cari. La nostra preghiera, la loro preghiera porterà un po’ di conforto ai nostri concittadini”.

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento