Live Sicilia

maltrattamenti in famiglia

Minaccia il padre vedovo e il fratello
Finisce in carcere un 49enne

droga violenza famiglia, catania maltrattamenti in famiglia, catania maltrattamenti arresto

Le indagini hanno appurato che dietro la violenza c'era la dipendenza dalla droga.

VOTA
0/5
0 voti

RIPOSTO - Maltrattamenti ed estorsione aggravata. Questi i reati contestati dalla Procura di Catania a  G.C., di 49 anni, finito in carcere.  Vittime dell'indagato l’anziano padre e il fratello. Le indagini, coordinate dal pool di magistrati qualificati sui reati che riguardano la violenza di genere, hanno consentito di evidenziare come i familiari conviventi dell’indagato abbiano patito una serie di atti vessatori che ne hanno condizionato il sereno vivere quotidiano. L’uomo, schiavo della dipendenza da sostanze stupefacenti, ha iniziato a tormentare il padre vedovo e il fratello pur di ottenere giornalmente il denaro utile all’acquisto della droga e per soddisfare le proprie esigenze personali.

L’escalation degli episodi, sfociati in minacce di morte, percosse e danneggiamento degli arredi di casa, ha sortito un primo provvedimento dell’Autorità Giudiziaria che, puntualmente informata dai carabinieri del luogo, ha emesso nei confronti dell’indagato una misura cautelare consistita nel divieto di avvicinamento alla casa familiare a distanza inferiore a 1 Km nonché una distanza inferiore di 200 metri dalle persone offese. Provvedimento disatteso in diverse circostanze dall’uomo che, non potendo più tormentare il padre, nel frattempo ricoverato in una struttura sanitaria per l’insorgere di una grave patologia, ha perseguitato il fratello infrangendo di fatto gli obblighi impostigli dalla misura cautelare.

I militari, su denuncia della persona offesa, hanno accertato le violazioni dell’indagato tramite servizi di pedinamento ed osservazione che trasposti in una nuova informativa hanno consentito al giudice, su proposta del magistrato titolare delle indagini, di aggravarne la misura con consecutivo ordine di arresto e traduzione nel carcere di Catania Piazza Lanza.

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento