Live Sicilia

DAL MENSILE S

Pestaggi, spari e nuove alleanze
Mafia, i verbali di "Gennarino"

mafia, mafia picanello catania, antonio d'arrigo catania, catania santapaola pentiti

Il pentito Antonio D'Arrigo racconta i segreti dei Santapaola e del gruppo di Picanello.

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA - Picanello è una delle roccaforti storiche di Cosa nostra. Questa è la patria di Calogero ‘Carletto’ Campanella e dei fratelli Salvatore e Venerando Cristaldi. Un gruppo che è riuscito ad allargare il proprio potere gestendo anche una piazza di spaccio a San Giovanni Galermo. E non solo. I Santapaola di Aci Catena devono sottostare alle direttive di “Picanello”. Gli eredi del boss scomparso Sebastiano Sciuto, meglio conosciuto come Nuccio Coscia, sono una costola del gruppo catanese. Che ha una certa dipendenza rispetto alle altre squadre della famiglia Santapaola-Ercolano.

Ma anche la mafia, grazie all’azione della magistratura, va in crisi. A Picanello è stato inferto un colpo mortale. E con il pentimento di Antonio D’Arrigo, meglio conosciuto come “Gennarino” e svelato da LiveSiciliaCatania, anche gli ultimi affiliati rimasti a piede libero potrebbero avere le ore contate. C’è la storia della mafia recente in alcuni verbali che il mensile S pubblica in esclusiva. Pestaggi, sparatorie, furti nello stesso gruppo, omicidi progettati e mai avvenuti. E anche nuove alleanze.

Lo smantellamento del gruppo di Picanello è partito dal blitz Orfeo scattato nel 2017. I carabinieri hanno documentato gli affari di Cosa nostra in quella parte di Catania, dove ancora i riti mafiosi hanno radici forti. Gli investigatori hanno immortalato, infatti, la tradizionale “spartizione” delle uova di pasqua agli affiliati. E così è finito in manette Giovanni Comis, nome che troviamo già nel processo Orsa Maggiore, che all’epoca (due anni fa) reggeva le fila dei Santapaola di Picanello.

Antonio D’Arrigo racconta che “il boss avrebbe lasciato 30 mila euro nella cassa comune”. Ma i nuovi responsabili non hanno “trovato questi soldi”. E dunque nomi cancellati dalla carta e stipendi dimezzati.

Tutte le rivelazioni del pentito Gennarino sul Mensile S in edicola. 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento