Live Sicilia

piazza lupo

Centro, tarda la "rivoluzione green"
Cassonetti su stalli per ricarica auto

, Cronaca

Rispondendo alla segnalazione di Livesicilia, l'assessore all'Ambiente, Fabio Cantarella, ha dichiarato di essersi attivato subito per liberare l'area.

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA - Città sempre più green? Di certo non in piazza Lupo, cioè in pieno centro storico a due passi dal Teatro Massimo Bellini e a uno dalla Facoltà di Scienze Politiche. Eppure, noi avevamo proprio scritto "Catania sempre più green" trasportati dal fatto che l'assessorato ai Lavori pubblici del Comune di Catania aveva stipulato una convenzione con Enel X per l'installazione di 48 colonnine di ricarica per auto e moto elettriche. Convenzione sancita anche con un tavolo tecnico allargato - al quale erano stati invitati, oltre chi scrive, altri assessorati comunali, la Soprintendenza e l'Università - per concordare nel dettaglio posizioni sul territorio, quantità e tipologia di ricarica (per auto o moto quindi).

Ebbene, tutto questo è stato fatto: concordate le posizioni, concordate le quantità, fatti i passaggi dei sottoservizi necessari, installate le colonnine, definiti il tipo di multa e la quantità della sanzione e, infine, attivate le colonnine per soddisfare le esigenze di quanti - pochi ancora a fronte di costi per l'acquisto di auto elettriche davvero esosi - dispongono di un'auto elettrica. Eppure tutta questa emozione green si frantuma miseramente davanti a una sfilza di cassonetti per l'immondizia ordinatamente posizionati sopra i posti riservati esclusivamente alla ricarica e solo per il tempo della ricarica.

Completano il quadro rifiuti misti e persino un paio di testiere in legno di un letto matrimoniale che ha fatto il suo tempo. Accettabile? No. Neanche per l'assessorato all'Ecologia del comune di Catania, guidato da Fabio Cantarella, che davanti alla nostra segnalazione ha detto che si sarebbe immediatamente attivato per liberare lo stallo riservato alla ricarica elettrica. "Ci confrontiamo tutti i giorni con problemi simili - ha aggiunto Cantarella -. Qualche giorno fa un cassonetto è stato trovato davanti all'ingresso di un garage!".

Eppure Catania dovrebbe guardare oltre i cassonetti e verso percentuali di differenziata ben più alte di quelle attuali. Obiettivo raggiungibile solo con il coinvolgimento di tutti: operatori, istituzioni e privati.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento