Live Sicilia

sea watch

"Rilevate non conformità"
Ispezione della Guardia Costiera

Migranti ong catania, Sea Watch, catania one

Sea Watch: "Pressione politica per fermare soccorsi".


CATANIA - Sulla Sea Watch 3 sono state rilevate "una serie di non conformità" che riguardano sia "la sicurezza della navigazione", sia "il rispetto della normativa in materia di tutela dell'ambiente marino". E' quanto rende noto la Guardia Costiera al termine dell'ispezione amministrativa effettuata sulla nave che ieri ha sbarcato a Catania 47 migranti. Fino a quando non verranno risolti i problemi sollevati, sottolinea ancora la Guardia Costiera, la nave non potrà lasciare il porto di Catania.

Gli ispettori della Guardia Costiera di Catania sono saliti a bordo della Sea Watch 3 per eseguire una verifica tecnica sulle condizioni della nave, in applicazione della Unclos ,la Convenzione delle Nazioni Unite sul Diritto del Mare. Dell'attività è stata informata l'Olanda, quale Amministrazione di bandiera dell'unità. Le non conformità rilevate "dovranno essere risolte anche con l'intervento dell'Amministrazione di bandiera, in cooperazione con gli ispettori specializzati della Guardia Costiera e il 6° Reparto - Sicurezza della Navigazione del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto - Guardia Costiera".

"La Guardia Costiera ci notifica il blocco per non conformità su sicurezza navigazione e normativa ambientale. Le autorità, sotto chiara pressione politica, sono alla ricerca di ogni pretesto tecnico per fermare l'attività di soccorso in mare". Lo scrive su Twitter la Ong Sea Watch. "Non siate complici". Lo scrive su Twitter la Ong Sea Watch rivolgendosi direttamente alla Guardia Costiera. "L'unica cosa che ha Catania è una minaccia alla sicurezza della navigazione - aggiunge la Ong - è il fermo della SeaWatch3 che non può svolgere il suo compito e salvare vite nel Mediterraneo".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento