Live Sicilia

moda

Arte e wedding:
due sfilate a Catania

, Zapping

Due eventi a Palazzo Biscari e Palazzo Manganelli. LE FOTO

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA - Palazzo Manganelli e palazzo Biscari protagonisti di due sfilate, contemporanee, dedicate alla sposa e all’alta moda. A firmare i magnifici abiti gli stilisti catanesi Marco Strano e Alfio Polisano. Un Atelier dedicato alla sposa e all’alta moda, quello di Marco Strano L’altro, quello di Alfio Polisano, una sartoria storica dedicata solo all’abito della sposa aperta dal 1951.

Due stilisti, due imprenditori. Due modi di interpretare il wedding e la moda in maniera diversa, ma in modo appassionato, con la cura dei particolari e l’uso di materiali unici e pizzi ricercati. I due palazzi storici, teatri delle due sfilate, sono stati interpretati in maniera diversa: passerella nel salone centrale per uno e percorso attraverso le sale del palazzo per l’altro

“La mia idea è quella di valorizzare la bellezza che sappiamo riconoscere, ma non definire – racconta Marco Strano – la ricerca di materiali e di tessuti continua riesce a trasformare un concetto, quello di bellezza appunto, in realtà. Sicilianità in primis, ricerca negli stili della nostra terra, nei tessuti e nei pizzi. Quest’anno ho rivolto la mia attenzione alla Sicilia occidentale e al Liberty di Ernesto Basile, motivi floreali e corredi siciliani dei primi del ‘900, utilizzando come colore il gregio. Un colore naturale che non ha nessun tipo di trattamento”. E le solite difficoltà imprenditoriali della nostra terra. “Lavorando qui gli ostacoli sono tanti – continua Strano – se dovesse chiamare una rivista del nord per fare uno shooting fotografico con i miei abiti, non sarei in grado di spedirli. Cifre dell’altro mondo e tempi di arrivo che non coprono la velocità nell’era di internet 4.0”. L’aneddoto raccontato da Marco Strano fa capire le difficoltà di un imprenditore isolano.

Discorso diverso per Alfio Polisano e la sua sartoria storica è dedicata tutta all’abito da sposa. “La sicilianità negli abiti da sposa è interpretare semplicemente se stessi – dice Polisano – nulla a che fare con il rustico. Ogni tanto si ha paura che da noi ci sia qualcosa di antico, di vecchio, ma noi siamo “aristocratici” e cultori del bello, tutto da noi è bellezza e storia”. “Interpretare un sogno è la nostra mission – continua Polisano –nulla deve avere il sapore di vecchio o stantio. Nell’era di Instagram e dei social ci avviciniamo a nuove tendenze con modernità, ma con lo stile e la bellezza come obiettivo fondamentale. Abiti confezionati in base ai desideri della sposa, abiti che si amalgamano all’ambiente con tessuti e pizzi, ricercati e misurati”.

 

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento