Live Sicilia

Il Tribunale del Riesame

Appalti Etna: Russo Morosoli
e Calanna restano ai domiciliari

Catania, catania russo morosoli, russo morosoli, Cronaca

L'inchiesta Aetna. Annullati per l'imprenditore etneo due capi di imputazione.

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA - L'imprenditore Francesco Russo Morosoli e il sindaco di Bronte, Graziano Calanna, coinvolti nella maxi inchiesta Aetna condotta dalla Guardia di Finanza, rimangono agli arresti domiciliari. Lo ha deciso il Tribunale del Riesame di Catania, collegio presieduto dal giudice Sebastiano Mignemi, che ha confermato la misura cautelare per i due indagati disposta dal Gip. I giudici della Libertà hanno annullato due capi di imputazioni contestati a Francesco Russo Morosoli, difeso dall'avvocato Carmelo Peluso, e precisamente quelli riguardanti le gare del 2016 e 2018. L'imprenditore è stato travolto dalla valanga giudiziaria che ha acceso i riflettori su un sistema, battezzato dagli inquirenti 'sistema Morosoli', che si alimentava da presunti accordi corruttivi e da una rete di conoscenze istituzionali che avrebbero permesso di poter gestire quasi in regime di monopolio le attività di risalita e sportive sull'Etna. Accuse rigettate in pieno, già in fase di interrogatorio di garanzia, da Francesco Russo Morosoli.

Il Tribunale del Riesame ha confermato l'ordinanza del Gip emessa nei confronti del sindaco Calanna accusato di istigazione alla corruzione. L'indagato, difeso dagli avvocati, Carmelo Peluso e Maria Mirenda, avrebbe chiesto - secondo la tesi della Procura - ad un'azienda interessata all'affidamento della gestione della manutenzione e sfruttamento dell'energia elettrica prodotta dall'acquedotto comunale di "prevedere nel piano dei pagamenti di spesa da far approvare al Comune un aumento del valore di 20.000 euro del costo del collaudo". Richiesta rifiutata poi dall'imprenditore. Calanna ha sempre "negato di aver chiesto utilità illecite per se o per i propri amici".

Sarà depositato lunedì l'esito del ricorso al Tribunale del Riesame per il socio in affari di Russo Morosoli, Salvatore Di Franco, difeso dall'avvocato Walter Rapisarda.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento