Live Sicilia

IN VIA LIBERTA'

Paternò, orrore in casa
Sterminata intera famiglia

omicidio, paternò, suicidio, Cronaca

L'ipotesi dell'omicidio-suicidio è stata confermata dal medico legale.

VOTA
0/5
0 voti

PATERNO' - Uccide la moglie e i due figli e si suicida: tragedia a Paternò. Il paese è ancora sotto choc per il triplice omicidio a colpi di arma da fuoco commesso questa mattina in via Libertà dal 35enne paternese Gianfranco Fallica che ha posto fine alla vita della moglie Cinzia Palumbo (34 anni) e dei due figli (di sei e quattro anni) prima di suicidarsi. Il medico legale dopo il sopralluogo ha confermato l'ipotesi dell'omicidio-suicidio. A fare il tragico ritrovamento è stato il padre della donna, allarmato dal fatto che non si erano fatti sentire. In possesso di una copia delle chiavi dell'appartamento è entrato in casa e ha fatto la tragica scoperta, ed ha avvisato i carabinieri. Secondo quanto si è appreso nell'appartamento è stata trovata una pistola calibro 22 che l'uomo deteneva regolarmente.

La tragedia si è consumata nell'abitazione della famiglia, nel centro di Paternò. I corpi della donna e dei bambini erano sul letto, quello dell'uomo a terra con accanto l'arma. Fallica era un consulente finanziario, titolare di un'agenzia che aveva aperto da poco a Paternò. La moglie era casalinga, ma aiutava spesso i genitori proprietari di un ristorante, Villa delle Muse. "E' una tragedia che non riusciamo a spiegarci, una famiglia perbene, di lavoratori. La città tutta soffre, non possiamo far altro che stringerci attorno ai familiari e ai partenti, un Intero paese soffre. Questa famiglia mancherà all'intero paese", ha commentato a caldo il sindaco Nino Naso.  "Depressione? Ma quale depressione. Gianfranco era una persona splendida, tutta dedita alla famiglia, un bravo ragazzo". Per noi è stata una doccia fredda... Io l'ho saputo da Facebook...". Lo ha affermato Paolo Bruno, cugino di Gianfranco Fallica. Il cugino "non sa spiegarsi" le cause della tragedia ed "esclude un momento di depressione e cause economiche" alla base dell'omicidio-suicidio. "A settembre mi ha mandato un messaggio su whatsapp dicendomi che stava trasferendo la sua agenzia. Era un ragazzo speciale, di sani principi". La Procura di Catania ha aperto un'inchiesta coordinata dal procuratore Carmelo Zuccaro, dall'aggiunto Ignazio Fonzo e dal sostituto Salvatore Distefano, ed ha disposto l'autopsia.

Nel frattempo in paese si respira un'aria mesta."Maledetto maledetto. Cosa le hai fatto...". Un urlo straziante di dolore rompe il silenzio in via Libertà: è la madre di Cinzia Palumbo. Davanti alla palazzina di due piani dove viveva la famiglia, i giornalisti vengono tenuti a distanza mentre c'è un via vai di parenti e amici della coppia. Ultimati i rilievi degli investigatori, le quattro salme saranno trasferite all'obitorio dell'ospedale Cannizzaro di Catania. 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento