Live Sicilia

Palazzo della Cultura

“Imprints of peace”, la mostra
di Claudio Arezzo di Trifiletti

, Zapping

Fino al 6 gennaio 2019.

VOTA
0/5
0 voti

Catania - In mostra la collezione “Imprints of peace” di Claudio Arezzo di Trifiletti da 01 Dicembre 2018 al 06 Gennaio 2019.
Palazzo della Cultura apre le porte alla collettività permettendole di fruire di “Imprints of peace”, collezione privata dell’artista catanese Claudio Arezzo di Trifiletti desideroso di fare omaggio alla sua città in occasione del prossimo Natale. A testimoniare la ricchezza dell’autore, ben 100 opere, una completa documentazione del progetto IMPRINTS che, partito nel 2007 da New York, ha poi toccato: Barcellona (2008), Berlino (2008), Londra (2009), Parigi ( 2009), Abu Dhabi - Cairo (2010), Amsterdam (2010), Roma (2010), Atene (2012), Creta (2012), Izmir ( 2012), Katakolon (2012), Malta (2012), Rodi (2012), Venezia ( 2013), Milano (2015) e Islanda (2018).

In ognuno di queste città vissute intensamente dall’artista, sono state raccolte impronte sulle tele, ravvivate dai colori scelti dall’artista sulla base del suo stato d’animo. Claudio Arezzo è un vulcanico figlio dell’Etna - come ama definirsi - che, ben dieci anni fa trasportava con la forza del suo sudore le pesanti tele presso il Castello Normanno di Aci Castello durante le cocenti giornate d’estate. Un giovane poliedrico, di sani principi e forti valori. In una società dove la parola pace per i più va solo fotografata su bandiere colorate per poi essere postata sui social, Claudio Arezzo di Trifiletti invece, sa quanto Pace significhi sacrificio, fatica, sudore e rinunce.

“La mia idea - racconta - é stata di raccogliere, durante i numerosi viaggi, impronte umane e donare alla collettività un messaggio d’amore straordinario. Ecco perché le sue opere sono “portali” che accolgono chi vi entra offrendo uno scenario fatto di occhi, foglie, polvere e sudore.

Proprio per evidenziare questa totalità l'aspetto curatoriale non convenzionale si fa “atto creativo” per permettere ai visitatori di entrare in empatia con l’artista, per trasmettere al pubblico un messaggio emozionale, non didascalico, dove la multimedialità e l'interazione diventano parte integrante della narrazione e non elementi accessori o di contorno. “Claudio é un artista e concittadino che con le sue opere porta l'energia e la volontà del nostro vulcano Etna nel mondo - dichiara l’Assessore alla Cultura, Barbara Mirabella.

Accanto ad ogni opera i q-code esplicativi. I visitatori si immergeranno nel labirinto della mente poliedrica dell’autore per scoprire i risultati creativi della sua infinita percezione delle anime che ha incontrato. Un viaggio attraverso i luoghi, le città, i visi, gli occhi, i colori degli uomini che hanno calpestato le tele. Un suono con una eco forte ma silenziosa che parte dal Palazzo della Cultura di Catania per arrivare negli occhi e nelle orecchie di tutto il mondo. Un dono generoso che Claudio Arezzo di Trifiletti ha voluto con caparbietà condividere.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento