Live Sicilia

la sentenza

Incendio al Parco dell'Etna
Cinque forestali assolti

, Cronaca

Un calvario giudiziario cominciato nel 2014.

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA - “Assolti perché il fatto non sussiste”. Si conclude con una sentenza assolutoria emessa dalla terza sezione penale del Tribunale di Catania il processo di primo grado che ha visto imputati cinque lavoratori forestali dell’antincendio,
Gaetano Raimondo, Francesco Prestigiacomo, Roberto Mario Longo, Orazio Nicotra accusati di omissione di atti d’ufficio e di interruzione di pubblico servizio. L’episodio che li ha portati davanti ai giudici risale all’estate del 2014 quando è scoppiato un incendio all’interno del Parco Regionale dell’Etna. Secondo la tesi accusatoria non avrebbero ottemperato agli ordini ricevuti e sarebbero intervenuti in ritardo. Una condotta che avrebbe influito “nell’efficacia delle operazioni di repressione dell’incendio”.

Una ricostruzione accusatoria che è stata confutata dal collegio difensivo, composto da Salvatore Leotta e Pasquale Pappalardo, nel corso del dibattimento. L’accusa aveva chiesto per gli imputati una condanna a 9 mesi, tranne per Longo a 1 anno e 2 mesi. Il Tribunale (Urso presidente, Corrao e Rapisarda a latere) al termine della camera di consiglio ha assolto - come detto - i cinque forestali. Si scrive la parola fine a un calvario giudiziario durato quattro anni, con tutte le ripercussioni anche professionali per gli imputati. Le motivazioni saranno depositate tra 90 giorni.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento