Live Sicilia

centro storico

La discoteca in via Gisira
Torna l'incubo per i residenti

catania discoteca, centro storico discoteca, discoteca, Cronaca

È di nuovo guerra tra i titolari di un locale e i residenti. Che denunciano: "Non possiamo più vivere qui".

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA - Non si dorme. Né i residenti né i turisti. La notte, quando c'è "la serata", la musica è così alta e i bassi talmente forti che vibrano addirittura i pavimenti. Succede in via Gisira e nelle strade, stradine per la verità, limitrofe dove gli abitanti sono costretti a vivere nuovamente l'incubo della discoteca sotto casa. In una delle zone più centrali ma anche più antiche di Catania, caratterizzata da vie piccole - vanedde in dialetto - e palazzi alti, e dove rimbombano i rumori più tenui, figurarsi i bassi della musica passata da un locale.

È tornato sul piede di guerra il comitato dell'Indirizzo che, negli anni passati, ha intrapreso una vera e propria battaglia, combattuta a colpi di esposti e di rilevazioni, per segnalare non solo l'inquinamento acustico e ambientale, ma anche alcune presunte violazioni, tra cui la realizzazione di alcuni manufatti esterni e la presenza di amianto.

Un lungo braccio di ferro che, alla fine, sembrava avesse dato ragione agli abitanti e imprenditori del luogo, con la chiusura del locale. Che oggi però sembra aver riaperto i battenti, ripiombando i cittadini nell'angoscia. "Fortunatamente - spiega una delle imprenditrici che animano il comitato, proprietaria di una struttura ricettiva - i miei ospiti dormono in una parte della casa dove il rumore è ridotto, in caso contrario avrebbero preteso il risarcimento per l'impossibilità di chiudere occhio".

Il locale e le auto che circolano in via Gisira, sebbene i cartelli stradali segnalino il divieto di transito, anche ai pedoni, impedirebbero il sonno, insieme al vociare degli avventori che si assemblano all'esterno del locale e sotto i balconi. "Nonostante i tappi alle orecchie e le finestre chiuse - tuona ancora - qui non si chiude occhio".

Il comitato ha incontrato l'assessore all'ambiente Fabio Cantarella, che li ha ricevuti insieme alla direttrice Lara Riguccio e al Funzionario che si occupa di inquinamento acustico. Ha ascoltato le denunce e le richieste e sta intervenendo. "Abbiamo incontrato una delegazione di abitanti - spiega l'esponente della giunta Pogliese - e abbiamo ascoltato le esigenze, anche di sicurezza, che in generale ci hanno rappresentato anche altri comitati del centro storico". Secondo l'assessore, le richieste degli abitanti della zona di via Gisira sarebbero legittime, ma il locale avrebbe le autorizzazioni, concesse dalla passata amministrazione. "Stiamo studiando la situazione - continua Cantarella -  per capire il livello di emissioni sonore e se queste sono in regola con quanto stabilito dal Piano acustico, approvato in estate dal Consiglio comunale. Segnaleremo le criticità anche ai Vigili urbani - conclude - ma prima bisogna capire a fondo la questione".

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento