Live Sicilia

mobilità

Giunta vara il piano parcheggi
CbC: "Lupo, scelta demenziale"

Catania, catania bene comune, parcheggio Lupo, piano parcheggi, Cronaca

Tra le cinque proposte avanzate dall'amministrazione Pogliese, quella in centro storico ha scatenato la protesta del gruppo politico.

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA - La giunta comunale presieduta da Salvo Pogliese ha deliberato la partecipazione al bando della Regione Siciliana per realizzare cinque ampi parcheggi, utilizzando il finanziamento di 23,335 milioni di euro destinati al territorio comunale di Catania. L’obiettivo del programma operativo della giunta Pogliese, varato su proposta dall’assessore ai lavori pubblici Pippo Arcidiacono, è quello di realizzare strutture di scambio con metro e Bus, in grado di intercettare il flusso veicolare e incentivare l’uso dei mezzi pubblici, favorendo così il decongestionamento delle auto dal centro storico. “L’urgenza di creare nuovi parcheggi -ha spiegato il sindaco Salvo Pogliese- è fondamentale per una città che deve ripensare un nuovo sistema della mobilità che sia concreto e guardi al futuro. L’accesso a questi finanziamenti ci permette di attuare, dopo venti anni, un piano di aree di sosta esterne al centro cittadino con una rimodulazione a basso impatto ambientale dei progetti preesistenti e una funzionalità che tenga conto della mutata realtà, dovuta anche alla presenza ormai diffusa della Metro e delle Fs, affinché le aree di parcheggio siano prevalentemente a servizio del trasporto pubblico, nell’ottica dello scambio col mezzo privato da lasciare in sosta. Dei cinque progetti -ha aggiunto Pogliese- solo uno, infatti, prevede un parcheggio nel centro storico, proprio per incentivare il ricorso all’utilizzo del mezzo pubblico per entrare nella zona centrale della città, coerentemente al Piano generale del traffico urbano adottato nel febbraio 2013. Confidiamo nella sensibilità e nell’attenzione verso la nostra città del presidente Musumeci e dell’assessore regionale alle infrastrutture Falcone affinché questi parcheggi vengano tutti finanziati, così da poter bandire le gare d’appalto e realizzarli al più presto”.

In dettaglio, il piano adottato dalla giunta Pogliese sulla scorta di un indirizzo politico promosso dall’assessore Arcidiacono, prevede: un parcheggio di interrato e a raso su viale Raffaello Sanzio, capace di ospitare 550 auto, utilizzando solo metà dello spazio disponibile, in altezza fino a livello di via Imperia, riservando il resto a verde pubblico attrezzato, per un importo presuntivo di 6.5 mln di euro; un parcheggio di circa 400 posti in via Acicastello, comprensivo di bretelle in entrata e uscita e viabilità di zona, per un costo previsto di circa 5,5 milioni di euro; un altro parcheggio di 200 posti auto, a raso, in viale Fleming, a ridosso della circonvallazione, con un sovrappasso diretto per la cittadella universitaria per un costo di circa 3 mln di euro; un parcheggio a più livelli su via San Nullo di 800 posti auto, da utilizzare anche come area di protezione civile, per un importo stimato di 6,5 mln di euro; un’area di sosta a raso, per 200 posti auto, in via Narciso, nei terreni di proprietà Fce, per un importo di circa 3mln di euro; un’area di sosta, a raso, in piazza Pietro Lupo per 180 posti auto, con un costo presuntivo di circa 2 milioni di euro.

Su quest'ultimo progetto, è pioggia di critiche da Catania Bene Comune, che parla di progetto "demenziale". "Nel dettaglio si prevede la costruzione e l'ammodernamento di aree parcheggio nelle zone di accesso alla città e in zone che permettono di lasciare le automobili e servirsi dei trasporti pubblici - si legge. Questo il senso della realizzazione del parcheggio in piazzale Sanzio, capolinea degli autobus, del parcheggio di via Narciso, in corrispondenza della fermata Metro Borgo, del parcheggio di via Acicastello, all'entrata nord della città, del parcheggio di via San Nullo in corrispondenza della fermata Metro, del parcheggio di viale Fleming, a servizio della cittadella universitaria e della fermata Metro Milo.

In questo contesto appare priva di senso e va assolutamente modificata la proposta da presentare alla Regione Sicilia di realizzazione un'area parcheggio per 180 posti auto in Piazza Pietro Lupo, nel cuore del centro storico della città, nel quartiere Civita. La realizzazione di tale area parcheggio è in totale contraddizione con l'esigenza di ridurre le automobili e il traffico nel centro storico della città. La proposta è demenziale in quanto in piazza Pietro Lupo già vi sono 130 posti auto a raso e non trova spiegazione l'investimento di 2 milioni di euro pubblici ( a tanto ammonta la previsione di spesa per il parcheggio di piazza Lupo) per incrementare di appena 50 posti auto il numero di parcheggi in zona.

La realizzazione dell'area parcheggio in piazza Lupo prevederebbe inoltre la demolizione di Palestra Lupo, Laboratorio Urbano Popolare: uno spazio sociale che rappresenta uno dei più importanti punti di aggregazione nel quartiere. Uno spazio che è stato riconsegnato alla città dopo decenni di abbandono e che ora accoglie decine di attività culturali, creative e sociali. Uno spazio sul quale è già avviato il percorso per un'assegnazione e per una riqualificazione integrale, che verrebbe demolito, non per realizzare un parco o una piazza ma per assicurare appena 50 posti auto in più.

Una spesa inutile se si considera che in piazza Giovanni XXIII, ad appena 600 metri da Piazza Lupo, dovrebbe essere realizzato, nell'ambito del progetto di Corso dei Martiri un parcheggio interrato per 350 automobili. Una spesa inutile se si considera che il parcheggio del Pino di via Ventimiglia, con capienza di 300 posti auto, ad appena 150 metri da piazza Lupo, è fortemente sottoutilizzato, specie in orario pomeridiano e serale. I parcheggi nella città di Catania servono e come dimostra lo stesso piano presentato dall'amministrazione devono essere individuati fuori dal centro storico, in prossimità di fermate bus e metro, in modo da ridurre finalmente il traffico in città.

I 2 milioni di euro previsti per la demolizione di Palestra Lupo e per la realizzazione di 50 posti auto possono essere certamente investiti in modo diverso, più serio e intelligente. In piazza Falcone Borsellino, all'ingresso sud del centro storico, nell'area portuale, già esiste un'area parcheggio per centinaia di automobili, chiusa e abbandonata. Basterebbe investire lì quei 2 milioni di euro, per permettere l'accesso dalla strada e consentire poi ai cittadini di entrare nel centro storico a piedi, in bicicletta o tramite i mezzi pubblici. Come già avviene col parcheggio gestito da AMT. Catania Bene Comune si oppone alla proposta di demolizione di Palestra Lupo e di realizzazione di una nuova area parcheggio al centro storico. Sin da ora annunciamo che contrasteremo tale progetto in tutte le sedi opportune".

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento