Live Sicilia

l'intervista

Polizia, cronica carenza di risorse
Coisp: "Presto novità sugli affitti"

Catania, catania carenza di risorse, catania coisp, coisp, Cronaca

Organizzazione, priorità di intervento, salubrità dei luoghi di lavoro. Il punto sullo "stato di salute" delle forze di polizia a Catania.

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA - Il tema atavico della mancanza di risorse affligge la Questura di Catania. Il Coisp, uno dei sindacati di polizia, a suon di comunicati stampa ha denunciato questo dramma funzionale e organizzativo a più riprese. Le note firmate da Alessandro Berretta, segretario regionale, accendono i riflettori su moltissime questioni: ora, dopo qualche mese, dall'insediamento di Marcello Cardona a questore di Catania è arrivato il tempo di fare un bilancio. Ma prima di entrare nei "temi caldi", il sindacato chiede un cambio di rotta partendo dalle piccole cose: come evitare di fumare sul posto di lavoro. "In altre parti d'Italia una cosa del genere è impensabile" - affermano dal Coisp. In ordine alla salubrita dei luoghi di lavoro: il Coips denuncia che alcuni colleghi operano  "in strutture dove vi sono alcune zone interdette e qui, da anni, sono in giacenza materiali da discarica".

Voltiamo pagina: la cronica carenza di risorse per le forze di polizia. "A chi segnala ripetutamente problematiche viene etichettato come polemico" - esordiscono dal Coisp. Ma questo non ferma i sindacalisti che snocciolano problemi anche di ordine pratico. In alcune strutture "i condizionatori mancano". Ma è la mancanza di macchine e moto la questione più annoso: un parco mezzi così ridotto "spesso costringe - affermano dal Coisp - i colleghi dei vari Uffici a rimanere in garage o in ufficio senza poter fare pattuglia".

Per il sindacato è necessario avviare immediatamente una "redistribuzione delle risorse". E il dito puntato su alcune mansioni che secondo il Coisp non spetterebbero ai poliziotti come quello di "autisti per conto della Prefettura". "Ultimo passaggio che svilisce la categoria - secondo il sindacato - è la mancanza di trasparenza e il rispetto della parità di trattamento tra i colleghi per ciò che riguarda i trasferimenti, l'applicazione delle sanzioni disciplinari, le proposte premiali e simili". Sul fronte, poi, delle priorità di intervento Berretta evidenzia un certo disaccordo con le scelte dei dirigenti, e chiede un potenziamento per il contrasto delle attività completamente illegali e abusive, come officine meccaniche e per pneumatici. "Gli oli esausti, i rifiuti speciali che fine fanno? - si chiede il segretario - Il danno ambientale, in questi casi, potrebbe essere devastante".

Ma un merito va dato. Anzi più di uno.  Alla Squadra Mobile "grazie al Dirigente Antonio Salvago e all'attuale Questore si sta assistendo a una forte presenza di donne". E nella scia positiva c'è anche il rapporto instaurato con Cardona. "Il diialogo è propositivo e sicuramente molto più costruttivo rispetto al passato. oggi possiamo dire di avere un interlocutore valido e concreto. Da poco insediato, ha ottenuto risultati importanti: ad esempio, sul fronte affitti esosi degli Uffici di Polizia è a buon punto ed a breve - annncia - ci saranno importantissime novità circa il loro abbassamento".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento