Live Sicilia

sperimentazione per un mese

Parte la Ztl Bellini
nel centro storico

, Cronaca

I varchi di via Landolina e via Sant’Agata, dove si trovano le telecamere del sistema elettronico, saranno presidiati dalle 8 alle 2 del mattino da pattuglie della Polizia municipale.

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA - “Come avevamo annunciato il cinque novembre nel corso nella conferenza stampa sulla sicurezza nel centro storico, da domani alle 8 del mattino, partirà la fase sperimentare del controllo elettronico della Ztl Bellini”. Lo ha detto il sindaco di Catania Enzo Bianco sottolineando come, “in questa prima fase, della durata di un mese, i varchi di via Landolina e via Sant’Agata, dove si trovano le telecamere del sistema elettronico, saranno presidiati dalle 8 alle 2 del mattino da pattuglie della Polizia municipale che informeranno i cittadini sulle modalità di accesso alle zone a traffico limitato”.

Il progetto delle Ztl, finanziato con fondi del Ministero delle Infrastrutture, prevede il controllo costante degli accessi nella zona a traffico limitato attraverso un sistema di telecamere che registrano le targhe dei mezzi in entrata e in uscita. Tutti coloro i qualine hanno diritto potranno iscriversi alla cosiddetta white list, che consente di non ricevere a casa una multa se si entra nella zona a traffico limitato.

Ovviamente, nell’ottica della sicurezza del centro storico, il fatto che le targhe di ogni mezzo che entra o esce dal centro storico vengano registrate rappresenta anche un utilissimo strumento di prevenzione e di repressione.  “Abbiamo già provveduto – ha ricordato l’assessore alla Polizia Urbana Marco Consoli - alla predisposizione della segnaletica orizzontale e verticale e anche al cambio di senso di marcia di via Mazza. Di concerto con il Sindaco sono state accelerate le procedure per il bando di gara che ci consentirà di acquistare altre dodici telecamere che saranno sistemate sia nel centro storico sia in altre zone della città dove esistono zone a traffico limitato, come San Giovanni Li Cuti”.

Perentrare nella Ztl non hanno bisogno di permesso biciclette, veicoli elettrici, mezzi per la raccolta dei rifiuti e il lavaggio delle strade, taxi e auto a nolo eccetera. Nella white list potranno invece essere inseriti, in maniera permanente o temporanea, tutti i cittadini che ne hanno diritto – chi vive nella zona, i gestori di bar e negozi, i lavoratori, i fornitori, i medici in servizio, i diversamente abili, le vetture degli alberghi -, facendo domanda o al Comando dei Vigili urbani o agli sportelli dei Centri servizi delle Municipalità. Ma si potrà anche scaricare la modulistica dal sito del Comune di Catania (cliccando sul grande bottone ZtlBellini in home page), inoltrandola anche per via telematica. Si otterrà un contrassegno con il numero di targa del veicolo che dovrà essere esposto dietro il parabrezza.

La whitelist sarà stilata entro il periodo di sperimentazione, durante il quale, come detto i varchi saranno sorvegliati anche da agenti della Polizia Municipale che forniranno ai cittadini informazioni sulle Ztl. Dopo il mese di sperimentazione si utilizzerà soltanto il sistema automatico: le telecamere riprenderanno le infrazioni e ai cittadini arriverà a casa la multa. E, utilizzando il codice identificativo del verbale, si potrà accedere, direttamente al web, all’immagine registrata dal sistema elettronico.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento