Live Sicilia

trecastagni

Sarà all'Ostello della Gioventù
l'Alberghiero di Nicolosi

VOTA
5/5
1 voto

edmondo pappalardo, ostello della gioventù, trecastagni, Catania, Cronaca
CATANIA – Procede la campagna di razionalizzazione della spesa Provinciale. Il Commissario Liotta individua una soluzione per l'annosa questione dell'Ostello della Gioventù di Trecastagni, struttura consegnata nel 2003 e mai entrata in funzione: trasferirvi dentro due delle sezioni dell'Istituto alberghiero di Nicolosi. Questo porterebbe ad un risparmio di 90mila euro annui in favore della Provincia, ma anche al rilancio economico del territorio di Trecastagni. “A breve il Commissario effettuerà un sopralluogo – ha annunciato a LiveSicilia Catania il consigliere Pdl Edmondo Pappalardo- per verificare sul campo la fattibilità del piano”.

Consigliere Pappalardo, è stata lanciata la proposta di spostare due sezioni l'alberghiero di Nicolosi a nei locali dell'Ostello della gioventù di Trecastagni. Perché questo cambio di destinazione?

La Storia dell'Ostello della gioventù di Trecastagni viene da lontano. Negli anni dell'Amministrazione Musumeci, l'allora presidente della Provincia di concerto con la giunta Torrisi, si fece carico di recuperare quei locali per farne una struttura turistica. Musumeci mantenne l'impegno. E nel 2003 la struttura fu riconsegnata totalmente ristrutturata nelle mani della Provincia. Eletto Lombardo però ci sono stati cinque anni di stallo. Da allora l'Ostello è inutilizzato. Io, da vicepresidente del Consiglio comunale di Tracastagni, feci diverse battaglie in proposito. Nel 2008 lanciammo addirittura il piano di un project financing, rivolgendoci ai privati per la gestione dell'Ostello della gioventù. Tutto questo cercando di andare incontro alle esigenze della Provincia e quindi dei cittadini, perché ritenevamo si registrasse così un risparmio generale. Ma le mancanza di risorse sul territorio non ha permesso di dare seguito a questa iniziativa.

Ad oggi qual è dunque la novità?

Con la necessità di effettuare la spending rewiew, su proposta del Commissario Liotta, abbiamo intravisto la possibilità di spostare due sezioni dell'alberghiero di Nicolosi, allocate ad oggi in una struttura per la quale la Provincia spende 90mila euro annui, a Trecastagni, cambiando la destinazione d'uso dell'Ostello a scuola. Questo porterebbe ad un risparmio nei fitti dell'Ente. Permetterebbe a questa struttura di essere finalmente fruita. Darebbe un polo scolastico e culturale al paese. E in più porterebbe 250 ragazzi ogni giorno a Trecastagni, con tutto ciò che ne concerne in termini di indotto e servizi. Cambierà dunque l'economicità del territorio.

Ma qual è oggi lo stato di salute del Comune di Tracastagni?

In questo momento non sta bene, soprattutto in termini di Bilancio. In effetti, a causa di una leggerezza da parte di qualcuno, l'Amministrazione non ha potuto votare il Bilancio 2012 per una scopertura di un milione di euro. Si contava sull'approvazione dell'innalzamento Imu. Solo che, saltando l'ultimo giorno utile, il 30 di Ottobre, e non votando, è saltato tutto il Bilancio. Allo stato attuale c'è una Commissario. Ci troviamo dunque innanzi ad una situazione paradossale.

Fra breve comunque si andrà anche a Trecastagni al voto. Qual è il clima che si respira?

Si stanno muovendo un po' tutti. Ci sono diverse iniziative di movimenti civici, nati dalla voglia di scommettersi e di non restare più a guardare. Vedo un grande fermento e una gran voglia di partecipazione: tutto ciò fa bene al paese. Ancora però il quadro non è chiaro. Dopo le politiche si capirà qualcosa in più.

E lei che farà?

Per ora bisogna pensare al presente. In questo momento penso che Trecastagni abbia bisogno del lavoro di tutti. E che le lotte di posizionamento non servano a nessuno. Io credo che l'opzione per un movimento civico sarebbe la migliore. Soprattutto per un realtà che dovrebbe guardare al futuro con molta più attenzione.

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php