Live Sicilia

PUBBLICITA' PROGRESSO

Spot per la legalità
Le TV non lo trasmettono

VOTA
4.2/5
6 voti

associazione cives pro civitate, Catania, Enrico Guarneri, giuseppe lo bello, legalità, litterio, pubblicità progresso
CATANIA - La legalità non è una parola, ma un impegno per tutti. Un monito? Un messaggio che LiveSiciliaCatania ha voluto condividere con i suoi lettori dedicando uno spazio al progetto lanciato dall'Associazione di Volontario Cives pro civitate di Catania che, attraverso uno spot, vuole scuotere le coscienze di giovani e adulti. Poco più di 40 secondi per raccontare le piaghe della violenza, della droga, dell'alcol, gli effetti devastanti di una vita senza punti di riferimento: tutto visto attraverso gli occhi castani di un bambina. Pupille innocenti che assistono alle nefandezze di un modo incastrato dall'omertà e dall'incapacità di ribellarsi.

Un incontro dell'associazione, da sinistra:  dr. D. Montana (Ass. Libera), Prof. N. Blancato (Preside Istituto "Nosengo"- Gravina), Prof. M. Liotta (volontaria associazione), il testimonial Enrico Guarneri ed il presidente Giuseppe Lo Bello

Un incontro dell'associazione, da sinistra:  D. Montana (Ass. Libera),  N. Blancato (Preside Istituto "Nosengo"- Gravina), M. Liotta (volontaria associazione), il testimonial Enrico Guarneri ed il presidente Giuseppe Lo Bello



"L’Associazione di Volontariato Cives pro civitate - racconta a LiveSiciliaCatania Giuseppe Lo Bello, presidente della no profit - a fronte dell’illegalità montante, a tutti i livelli, da quella spicciola a quella delle organizzazioni mafiose e delle loro collusioni, ha ideato, confidando nella grande forza degli strumenti di comunicazione, una campagna massmediale di educazione alla legalità, rivolta sia ai giovani che alla generalità della popolazione, campagna che mediante brevi slogans in cartellonistica, spots radiofonici e televisivi, banners, catturi l'attenzione del cittadino comune e lo educhi alla legalità quasi senza accorgersene, come input che gli "entrino dentro" modificandone le cattive abitudini."

Tutto è iniziato lo scorso anno con l'affissione di alcuni manifesti (nella foto) con lo slogan Col contributo di ognuno cresce la legalità! "E' proprio il messaggio chiave della nostra associazione - spiega, ancora, Lo Bello -  occorre spezzare la logica dell'emulazione in negativo dei comportamenti illegali della catanese  "spirtizza" , al più nella rassegnazione al "non possiamo farci niente, tutti fanno cosi!", e far prendere invece coscienza  della fondamentale importanza del contributo di ogni persona". Un impegno, quello della diffusione della cultura alla legalità, che l'associazione  ha condiviso con altre realtà come Cittàinsieme e Addio Pizzo. Poi nasce l'idea di realizzare uno spot e riassumere l'essenza di anni di lotte in 49 secondi (GUARDA IL VIDEO). Come è nato il coinvolgimento di Enrico Guarneri (alias Litterio)? "Enrico Guarneri, fine attore di grande sensibilità civile - afferma il presidente -  anche sulla base di una nostra vecchia conoscenza personale, ha immediatamente dimostrato un pieno coinvolgimento d'animo e generosamente ha dato la sua disponibilità alla realizzazione dello spot, con la regia e il montaggio di Rosario Marco Amato".

Un progetto senza ambizioni ma che ha raggiunto, invece, risultati importanti. Lo spot è stato iscritto, unico di produzione siciliana, unico dalla Sicilia, al concorso ONP AWARD 2012, indetto dalla Fondazione Pubblicità Progresso, riservato a spot di organizzazioni di volontariato e no profit, e su 42 spot partecipanti è stato 14° come numero di likes (Mi piace) degli utenti web sulla pagina Facebook di Pubblicità Progresso. "Noi pensiamo che lo spot possa contribuire - conclude Giuseppe Lo Bello -  al risveglio della coscienze dei cittadini circa l'essenziale, inderogabile, esigenza di abbandonare tutti i comportamenti devianti ed illegali, alcune tipologie oggetto, con rapidi flash, della prima parte dello spot: guida spericolata, uso di droghe, alcoolismo, violenza sulle donne, imposizione del pizzo".

Le principali emittenti siciliane si sono rifiutate di trasmettere questo video a titolo gratuito. È stato richiesto, all'associazione che ha autofinanziato il progetto, il pagamento di somme a titolo di pubblicità. Per questo, non è andato in onda in TV.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php