Live Sicilia

La Finocchiaro "scansa" Catania

Pd e Sel alle Primarie
Si vota il 30 dicembre

VOTA
0/5
0 voti

Catania, pd, primarie, Politica
CATANIA. Non ci sarà Anna Finocchiaro (per lei sarebbe pronto nuovamente un seggio al Senato nella roccaforte dell’Emilia) ma, in compenso, si sa già che torneranno a correre per uno scranno al Parlamento, Giuseppe Berretta, Giovanni Burtone e Marilena Samperi. Il Partito Democratico catanese assieme a Sinistra e Libertà tornano in campo per le Primarie. Questa volta, per scegliere i candidati da mandare a Montecitorio ed a Palazzo Madama. La data fissata è quella di domenica 30 dicembre. Mentre il giorno ultimo per concorrere alla candidatura è quella di sabato 22: anche se Sel prorogherà la scadenza di qualche altro giorno. “Celebriamo queste Primarie per dire che siamo contro questa legge elettorale voluta dal centrodestra e che lo stesso centrodestra non ha voluto cambiare – spiega il segretario provinciale dei democratici, Luca Spataro -. Noi, insistiamo su di un punto: quello che questo è un modo importante per riavvicinare la politica alla gente. A febbraio avremo una coalizione in grado di cambiare l’Italia”. Una scelta, quella delle Primarie, condivisa anche da Sel: “Da parte nostra intendiamo rivolgere molto spazio alla società civile – spiega il neo responsabile provinciale, Claudio Grosso -. Speriamo che i cittadini riescano a partecipare in massa nonostante il periodo festivo”.

Le modalità di voto

Si vota domenica 30 dicembre dalle 8 alle 21. Potranno esprimere la loro preferenza tutti coloro i quali si erano registrati lo scorso 25 novembre: in ogni caso, potranno votare tutti gli iscritti a Pd e Sel. Saranno 75, in tutto, i gazebo che fungeranno da seggi allestiti in tutta la provincia: 12 di questi solo a Catania (due in piazza Stesicoro, Corso Italia e piazza Cavour; uno in piazza Carmelo, piazza Chiesa Madre, piazza Spedini, viale Castagnola e Villaggio sant’Agata). Si pagheranno, anche in questa occasione, 2 euro che gli organizzatori spiegano “serviranno ad autofinanziare i due partiti”. Gli elettori riceveranno due schede e potranno esprimere due preferenze a testa per Camera e Senato: una potrà essere indicata per un candidato ed un’altra per una candidata; nelle intenzioni, la finalità è quella di lanciare un segnale di pari opportunità. Tuttavia, nella tutt’altro che remota ipotesi che siano gli uomini i più votati, vi è una quota di garanzia, nell’ordine del 33%, garantita alle quote rosa.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php