Live Sicilia

nuova tegola sull'ex governatore

"Appalti senza gara alla Sac"
A giudizio Lombardo e tutto il cda

VOTA
4.2/5
10 voti

Catania, cda sac, prescrizione, raffaele lombardo, rinvio a giudizio, sicilia, Catania, Cronaca
 

capo_imputazione_lombardo_foto

Copia del capo di imputazione



CATANIA - Ennesima tegola sull'ex presidente della Regione Raffaele Lombardo. E' arrivato un nuovo rinvio a giudizio, stavolta con l'accusa di abuso d'ufficio, per fatti che riguardano il 2007. Gli imputati, oltre a Lombardo, nella qualità di presidente della Provincia e componente del cda della Sac, sono Stefano Maria Ridolfo, (presidente pro tempore Sac), Michele Sineri (componente cda), Giuseppe Gitto (altro presidente pro tempore) e Giacomo Di Blasi (direttore generale Pubbliservizi Spa).

Tutti, sono imputati in concorso perché avrebbero procurato un “ingiusto vantaggio patrimoniale alla Pubbliservizi”, società partecipata dalla Provincia, affidandole senza gara l'appalto per la pulizia dell'aeroporto ad un importo superiore a quello stabilito. (Leggi il documento)

Gitto e Di Blasi, secondo quanto ha rivelato il quotidiano La Sicilia, sarebbero concorrenti morali in quanto avrebbero istigato o rafforzato la volontà di Ridolfo, Sineri, Lombardo, D'Urso e Paladino.

Al contrario, la legge imponeva una procedura di gara “aperta, ristretta o negoziata mediante dialogo competitivo”.

In questo modo la Pubbliservizi ha ottenuto l'affidamento dell'appalto per un importo di 630mila euro, prorogabile sino a 3 anni. Il reato è a rischio prescrizione, il Gup Francesca Cercone ha fissato l'udienza per il prossimo 28 giugno.

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php