Live Sicilia

mobilità

Bus veloci in arrivo
La rivoluzione tra le polemiche

VOTA
0/5
0 voti

Brt, Due obelischi, Santi Cascone, Catania, Cronaca
CATANIA – La linea della discordia. Il cosiddetto BRT, la linea veloce di autobus che collegherà piazza Stesicoro e Due Obelischi, in fase di realizzazione in via Passo Gravina continua a suscitare proteste, in particolare tra i residenti e l’amministrazione. Smorzata, in parte, la polemica con il sindaco di Gravina, Domenico Rapisarda, che aveva evidenziato i disagi patiti dalla popolazione con l’apertura del cantiere, rimane infatti quella tra gli abitanti delle zone interessate – oltre la via Passo Gravina anche via Due Obelischi e tutte le stradine limitrofe – e l’amministrazione. I primi che chiedono garanzie sulla sicurezza, in particolare degli attraversamenti pedonali e del percorso per raggiungere le aree di attesa della Protezione civile, e la seconda che assicura di aver previsto ogni cosa.

“Abbiamo chiesto numerosi incontri per quanto riguarda la questione sicurezza in via Due Obelischi – spiega a LivesiciliaCatania, Romj Crocitti Bellante, del Comitato spontaneo dei residenti che ha raccolto già 2000 firme per la messa in sicurezza delle strade interessate dal progetto – dove sono stati numerosi in passato gli incidenti, ma la risposta ufficiale è stata farci trovare il cantiere aperto”.

Pronta la risposta dell’assessore alla viabilità, Santi Cascone che, oggi pomeriggio, ha effettuato un sopralluogo in via Due Obelischi per verificare l’andamento dei lavori. “Nel realizzare il Brt – afferma Cascone – abbiamo previsto una serie di interventi finalizzati proprio alla messa in sicurezza degli attraversamenti pedonali, che adesso sono assenti in vari punti. Saranno aumentati nel numero e realizzati secondo il codice della strada. Inoltre – prosegue – la sezione della strada è stata aumentata e alcuni ostacoli insormontabili sono stati rimossi”.

L’assessore insiste nel sottolineare il fatto che, precedentemente, la barriera sulla carreggiata era costituita dallo spartitraffico ora rimosso per fare posto alla corsia preferenziale. “Non solo – aggiunge Cascone: la nuova corsia potrà essere utilizzata anche dai mezzi di soccorso in caso di emergenza in caso di calamità”.

Anche i rappresentanti della quarta municipalità, presieduta da Massimo Tempio, il cui territorio è di fatto attraversato dalla nuova corsia preferenziale, ha voluto sottolineare alcuni aspetti critici su cui bisognerà intervenire. Primo fra tutti, fare convivere il Brt con il mercatino del martedì nella piazza del Carmelo.

 

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php