Live Sicilia

OPERAZIONE DELLA DIA

Sequestrato il patrimonio di Ursino
"Prestanome" di Piddu Madonia

VOTA
4.1/5
11 voti

Catania, dia, Gaetano Giacomo Ursino, giuseppe madonia, mafia, Cronaca

Gaetano Ursino



CATANIA - Avebbe accumulato un patrimonio da cinquecento mila euro facendo affari con Cosa Nostra: ma adesso questi beni - tra cui la sua ditta individuale, due case in città, auto e moto di lusso e conti correnti bancari e postali - sono stati sequestrati. La Direzione Investigativa Antimafia di Catania ha messo i sigilli ai beni dell'imprenditore catanese
Gaetano Giacomo Ursino, 41 anni. Secondo gli investigatori, ci sono troppe differenze tra il suo patrimonio e quanto ha dichiarato al fisco: le indagini economico-finanziarie, che hanno riguardato anche la sua famiglia, sono state condotte dalla DIA e riguardano il periodo compreso tra il 1996 e quest'anno.

DIA CATANIA

Sequestro Dia



L'uomo era già stato arrestato l'anno scorso, il 16 novembre, durante l'operazione "Gibel" che aveva portato in manette altre quattro persone accusate di far parte di Cosa Nostra e di essere uomini di fiducia del boss ergastolano Giuseppe "Piddu" Madonia, capomafia di Caltanissetta. Le indagini sono iniziate quattro anni fa nei confronti di Lucio Tusa, nipote di Madonia e già condannato per mafia.

Sequestro Dia

Sequestro Dia



Il sequestro ai beni di Ursino scaturisce da un provvedimento emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Catania che ha accolto la proposta avanzata dal Direttore della Direzione Investigativa Antimafia.

 

 

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php