Live Sicilia

PIANO SIGONELLA

Aeroporto, lavori conclusi
Si vola da Fontanarossa

VOTA
3.5/5
10 voti

fontanarossa, mancini, riggio, sigonella, torrisi, Cronaca
CATANIA - Un mese esatto e la pista di Fontanarossa riapre: 5 novembre 2012 – 5 dicembre 2012. Operazioni di collaudo effettuate, rifiniture ultimate. Il Piano Sigonella lascia spazio, puntualmente, al decollo dell’Air Side riqualificato. 30 giorni di intenso lavoro, 130 operai impegnati, 20 tecnici coinvolti, a turno, h24. Sette giorni su sette e senza sosta.

Tra polemiche e disagi iniziali riapre quello che, con i suoi 7 milioni di passeggeri l’anno, si conferma il più grande aeroporto del Sud Italia. Addio incubo check-in da effettuare tre ore prima dell’imbarco. Addio servizio navetta e problema “recupero bagagli”. Per i viaggiatori, tutto ciò sarà solo un brutto ricordo. E anche coloro i quali, per lavoro o per scelta, hanno optato nel mese di novembre per mezzi di trasporto alternativi potranno ora ritornare a rianimare gli spazi di Fontanarossa.

A fare da scenario principale a questo mese di riqualificazione, però, non soltanto i lavori tecnici della pista, ma anche le “incertezze” organiche. Con il vuoto di governance alla Sac, dovuto alla sospensione dell’amministratore delegato Nico Torrisi, colmato poi con il reintegro di Gaetano Mancini.

Pronte al volo le compagnie aeree che, in questi anni, hanno popolato giorno e notte il cielo di Fontanarossa. Anche quelle che avevano rinunciato al Piano Sigonella. Da giovedì, infatti, riprenderà la regolare attività Lufthansa, mentre tempi più lunghi per la British Airways che effettuerà il primo decollo solamente a febbraio 2013.

Primo arrivo nella nuova pista di Fontanarossa alle 18.15, volo Alitalia Roma - Catania. La Sac, per illustrare il successo del Piano Sigonella, ha convocato una conferenza stampa. All’incontro parteciperanno il Commissario Straordinario dell’Enac Vito Riggio, il Vice Comandante Aeronautica Militare Generale Carlo Magrassi ed il Direttore Generale Sac Renato Serrano.

L'Enac, anche se in maniera informale, ha invitato l'ex Ad della Sac Nico Torrisi, che LiveSiciliaCatania ha intervistato.

Parteciperà?

"Non parteciperò fisicamente ma sarò lo stesso vicino a tutti coloro che hanno lavorato con impegno per garantire il successo del Piano Sigonella 2012. Da questo parte il mio ringraziamento al personale della Sac, di tutte le collegate, del commissario Riggio e dei dipendenti dell'Enac, dell'Aeronautica Militare, delle istituzioni e di tutti coloro che direttamente ed indirettamente hanno contribuito a questo straordinario risultato. Un grazie anche agli operai e all'impresa che hanno, con grande senso di responsabilità, rispettato i tempi programmati e svolto un encomiabile lavoro di restyling della pista e dell'air side. E non posso dimenticare tutte le compagnie aeree che hanno creduto nella scommessa Sigonella 2012".

Perché ha deciso di non partecipare?

"Penso sia opportuno al momento fare un passo indietro per non appesantire la confusione a livello societario che sta vivendo la Sac".

Si riferisce agli effetti della sospensione del Cda?

"E' stato presentato un reclamo e aspettiamo l'esito. Io ho profonda fiducia nella magistratura".

Rimpianti?

"Sono solo dispiaciuto di aver interrotto bruscamente un lavoro che stava portando importanti risultati. Un successo, di cui sono orgoglio e che condivido con il presidente Giannone e tutto il Cda, è proprio il Piano Sigonella 2012. I progetti erano tanti, eravamo solo all'inizio".

Ad esempio?

"L'apertura dello scalo di Comiso. Una scommessa che tutto il Cda aveva fatto sin dall'insediamento. In poco tempo eravamo riusciti a superare lo scoglio più importante e cioè la firma della convenzione con l'Enav. Avevamo iniziato già i primi contatti con le compagnie aeree ed avevamo fissato anche i primi appuntamenti. Tra qualche giorno Air One ed altri vettori andranno a Comiso proprio per effettuare i primi sopralluoghi".

In merito al successo del Piano Sigonella il senatore Bianco ha inviato una lettera al Commissario Riggio, dove la ringrazia personalmente per il lavoro svolto.

"Io ringrazio il senatore Bianco per l'attestazione di stima, ma quello che mi rende orgoglioso maggiormente sono stati i grandi riscontri della cittadinanza. E' questo che ti fa capire che stai operando nella giusta direzione".

Spera di poter tornare a lavorare alla Sac, e così poter finire quello che ha iniziato?

"Le ripeto, ho fiducia nella magistratura. Io mi atterrò alle decisioni dei giudici. Se tornerò alla Sac, riprenderò il mio lavoro con lo stesso spirito e lo stesso impegno con cui ho operato in questi tre mesi."

 

 

 

 

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php