Live Sicilia

primarie pd, il ballottaggio

Bianco a piazza Stesicoro
"Auguri a Berretta"

VOTA
5/5
1 voto

berretta, Catania, enzo bianco, sindaco

Enzo Bianco vota per le primarie democratiche



CATANIA - Voto mattiniero per il senatore Enzo Bianco. Era infatti uno tra i primi cinquanta elettori che si sono recati al seggio-gazebo allestito stamani in Piazza Stesicoro per decidere se dovrà essere Matteo Renzi o Pierluigi Bersani il prossimo candidato premier per il centrosinistra italiano.

Ha fatto la fila, con compostezza, come chiunque altro: passaporto e certificato elettorale in mano.

la scheda



Avvicinato da LiveSiciliaCatania, Enzo Bianco si è lasciato andare ad un commento più che soddisfatto sull'intera macchina organizzativa delle primarie: “E' stata una scelta straordinariamente opportuna. La splendida giornata di oggi -lo ha riferito con estrema serenità- fa da sfondo ad un momento davvero felice per il Pd”. La scelta di Bianco, come era già stato annunciato nei scorsi giorni, è andata in favore del segretario Pierluigi Bersani: “Ho avuto modo di apprezzare le sua capacità amministrative e la sua serietà quando ero ministro. Con lui credo che si possa aprire un percorso di vero rinnovamento”. Ma anche su Renzi, il giudizio di Bianco è sereno: “È stato un buon sindaco di Firenze e sarà nel futuro una risorsa importantissima per l'intero partito democratico”.

Non si sbottona però su una sua eventuale ricandidatura a sindaco di Catania: “Non è il tempo delle risposte. Molto probabilmente il voto amministrativo sarà a maggio, dunque c'è ancora altro tempo per pensarci”. Neanche la notizia della discesa in campo di Giuseppe Berretta riesce a mettergli fretta: “Molto bene, gli faccio i miei auguri, è una persona che stimo e ritengo pure che sia una risorsa per la nostra città”. Sulle sua eventuale candidatura alle prossime primarie cittadine, Bianco ha posto però alcuni paletti: “Io non sarò il candidato del centrosinistra. Come dimostra il dato delle regionali, a Catania il centrosinistra è minoritario. Credo dunque che bisogna ripartire da un progetto civico che metta assieme le migliori forze della città”. “Ho accolto con piacere la notizia che alcuni esponenti del mondo delle professioni sarebbero scesi in campo in favore di una mia candidatura. Ancora però – ha chiosato- c'è tempo per riflette”.

 

“Un cosa è certa – spostando l'attenzione sullo stato di salute della città- siamo a dodici anni esatti dalla vittoria di Scapagnini. Il sindaco Stancannelli è in piena continuità con quella stagione, dove il regista occulto è ed è stato Raffaele Lombardo, che ne ha determinato la strategia del consenso attraverso il voto clientelare. Questa stagione ha determinato la perdita dell'orgoglio civico di questa città. Questa è una cosa grave”.

 

A margine del voto di oggi è stato chiesto a Bianco di commentare la polemica a distanza tra la Procura della Repubblica di Catania e il noto editorialista de La Sicilia Pietro Barcellona: “non ho seguito la vicenda, anche perché negli ultimi anni ho difficoltà a leggerlo. C'è una cosa che non riesco davvero a perdonare al professor Barcellona -ha concluso- quello di aver tessuto attraverso i suoi articoli l'elogio di Raffaele Lombardo”.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php