Live Sicilia

La cerimonia

Cavalieri e Commendatori
Tutti i riconoscimenti

VOTA
1/5
1 voto

cavalieri, Commendatore, Laura Mancuso, prefettura, ufficiale, Cronaca
CATANIA - Emozione e qualche lacrima: è stato un evento da ricordare nell'album di famiglia la consegna delle onorificenze al merito della Repubblica Italiana, stamattina in Prefettura.  "E' il massimo riconoscimento della vita repubblicana - ha detto il prefetto
Francesca Cannizzo - dalla grande sobrietà ma dal grande significato"

Insieme alla "cavallerizza" - come si è già definita lei stessa - Carmen Consoli, altre quattro signore hanno ricevuto il riconoscimento che arriva direttamente dal Capo dello Stato. Tra loro, la presidente della Fondazione D'Arrigo Laura Mancuso, che  con gli occhi lucidi ha dedicato l'onorificenza al marito, il compianto recordman Angelo D'Arrigo: "Impegnarsi facendo le cose in cui credo - spiega a LiveSicilia - è la risposta migliore per fare del bene, senza pensare a ricevere. Immagino che questo riconoscimento sia arrivato per le attività che ho svolto per la Fondazione. Ora sto scrivendo un altro libro, per adesso la mia carriera è quella di scrittrice: parlo di donne, le porto in volo grazie al brevetto dell'areoclub di Riposto. Si tratta di donne straniere che provengono da tutte le parti del mondo".

Altri Cavalieri, che hanno ricevuto l'onorificenza dal prefetto Francesca Cannizzo, sono il direttore dell'Unità Multidisciplinare di Senologia all'ospedale Cannizzaro e presidente dell'Andos provinciale Francesca Catalano (a consegnarla è stato il direttore generale del Cannizzaro Francesco Poli), l'avvocato dello Stato Maria Scardillo (con la consegna da parte delll'avvocato Distrettuale dello Stato Maria Nicotra), la fondatrice della Foncanesa Agata Rosalba Zappalà Massimino.

Ad essere nomiati Ufficiali sono stati il maestro ceramista di Caltagirone Giacomo Alessi (a consegnarlo è stato il sindaco Bonanno) e Salvatore Spanò, mentre i nuovi Commendatori sono il direttore dell'Asp 2 di Caltanissetta Salvatore Paolo Cantaro, il gioielliere Ernesto Fecarotta, il direttore sanitario del Cannizzaro Salvatore Emanuele Giuffrida, ed il console della Federazione dei Maestri del Lavoro Anna Montenotte. "Cavaliere di Gran Croce", infine, per il docente universitario e già presidene della Facoltà di Scienze Politiche a Catania Giuseppe Vecchio (con la consegna da parte del prorettore dell'ateneo catanese Maria Luisa Carnazza), e per il docente universitario e già preside della Facoltà di Agraria Francesco Bellia (a consegnarlo è stato il rettore Antonino Recca). Grandi assenti i due nuovi "Grandi Ufficiali": il presidente dell'Unione Italiana Ciechi Giuseppe Castronovo e il decano dei docenti di Lettere Giuseppe Giarrizzo. Il terzo Grand'Ufficiale è l'avvocato distrettuale dello Stato Maria Nicotra.

Quella di oggi è stata la terza consegna dell'anno. Sono già stati nominati , nelle scorse settimane, i Cavalieri Alessandro Arena, Santo Bonaventura. Francesco Coco, Fabio Massimo Damigella, Orazio Di Guardo, Nunzio Santi Giuseppe Di Paola. Giovanni Fiorenzo. Giuseppa Maria Grasso, Francesco Massimino. Antonino Mazzeo, Antonino Mirabile, Isidoro Nucifora, Alfio Carmelo Polisano, Francesca Paola Pulvirenti, Rosario Putrino, Sergio Rindone, Bruno Sica, Stefano Volpini, Santi Epifanio Enrico Zappalà, Enrico Adornetto, Roberto D'Arrigo, Mario Di Sella, Antonino Gatto, Salvatore Giuffrida, Mario Guzzardi, Antonino Maniscalchi, Corrado Marcì, Salvatore Riceputo, Michele Russo e Leonardo Tenerelli. Altri Ufficiali Carmine Brienza, Alfio Licciardello ed Emanuele Urzì.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php