Chiudi

"Acqua pubblica senza se e senza Spa": gli attivisti catanesi hanno esposto davanti al Municipio un lungo striscione colorato con questa scritta, aggiungendo "L'acqua è di tutti, giù le mani dall'acqua pubblica". L'obiettivo è quello di convincere i consiglieri comunali e tutta la città a non votare il Piano partecipate proposto dal Comune. E siccome l'assemblea cittadina era fissata alle 13:00 - poi spostata alle 14:35 - hanno chiamato la propria manifestazione un "lunch break" diffuso su Facebook. All'appello hanno risposto molte associazioni catanesi che si ribellano alle decisioni approvate dalla Giunta e ribattono: "Oggi per pranzo non mangiatevi i nostri servizi pubblici".

//