Live Sicilia

A Scienze politiche

Un convegno per ricordare Famà
a 17 anni dall'omicidio

VOTA
0/5
0 voti

, Cronaca
CATANIA - La mafia aveva deciso. Stabilito che l’avvocato penalista Serafino Famà dovesse morire. Era il 9 novembre di diciassette anni fa quando il legale catanese venne freddato con sei colpi di pistola calibro 7.65 all’angolo tra viale Raffaello Sanzio e via Oliveto Scammacca. Nel novembre del 1999 una sentenza della Corte d’Assise etnea riconobbe, come mandante dell’omicidio, Giuseppe Maria Di Giacomo all’epoca boss emergente e reggente del clan Laudani, oggi collaboratore di giustizia. A distanza di diciassette anni, familiari e colleghi hanno commemorato la figura di Serafino Famà con un incontro che si è tenuto nel pomeriggio nell’Aula Magna di Scienze Politiche dal titolo: “La destrutturazione dello Stato di diritto”. “Tra Due Fuochi. Serafino Famà: storia di un avvocato” è anche il titolo del documentario che è stato presentato e proiettato in anteprima nazionale nel corso dell’incontro. Il documentario (della durata di venti minuti) è stato prodotto da Libera ed è stato realizzato da Flavia Famà e Simone Mercurio. Un cortometraggio che mette assieme voci e immagini di repertorio raccontate attraverso la voce di familiari, colleghi, giornalisti e servizi televisivi dell’epoca. Il modo migliore, probabilmente, per ricordare la memoria dell’avvocato catanese Serafino Famà.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php