Live Sicilia

L'Enac

Enac: "Le operazioni militari
sono predominanti"

VOTA
0/5
0 voti

aeroporto, Catania, enac, sigonella, Catania, Cronaca
CATANIA - Sulla vicenda dell'aereo decollato da Roma Fiumicino diretto a Catania-Sigonella e dirottato a Palermo è intervenuto con una nota l'Enac, che evidenzia che "é stata operata una scelta finalizzata alla sicurezza del volo e dovuta a condizioni di bassa visibilita" e che il decreto di spostamento dei voli per il periodo 5 novembre - 5 dicembre 2012 a causa di lavori sulla pista di Catania "evidenzia la predominanza delle operazioni militari su quelle civili presso lo scalo di Sigonella e prevede che dopo il tramonto, per motivi di sicurezza data la particolare conformazione infrastrutturale dello scalo, si possa svolgere una sola attività operativa alla volta, su tutta l'area di movimentazione degli aeromobili". L'Enac ricorda "l'eccezionalità dello spostamento dell'operatività da Catania a Sigonella, scalo militare", aggiungendo che " si tratta, infatti, di una situazione che non si è mai verifica prima in Italia per un periodo così prolungato di tempo". "Come tutte le istituzioni e tutti gli operatori interessati sanno - continua l'Enac - l'unica alternativa al Piano Sigonella 2012 sarebbe stata la chiusura dello scalo di Catania con il conseguente spostamento dei voli su Palermo e Reggio Calabria, situazione che avrebbe certamente comportato limitazioni e disagi maggiori rispetto a quelli attuali". "Tutti i soggetti coinvolti - conclude - sono impegnati con mezzi e risorse a ridurre al minimo le criticità derivate da tale stato, al fine di evitare ai passeggeri ulteriori disservizi per il periodo rimanente".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php