Live Sicilia

La sostituzione

Cambio, con polemica, all'Arpa
Arriva Licata Di Baucina

VOTA
1.7/5
3 voti

aricò, arpa, cocina, licata di baucina
Cambio, con polemica, al vertice dell'Arpa, l'agenzia regionale per la protezione dell'ambiente. Il commissario straordinario
Salvatore Cocina, nominato dopo le dimissioni dell'ex direttore generale Sergio Marino, è stato sostituito dal manager della sanità Francesco Licata di Baucina. La polemica parte da Legambiente: “Esprimiamo grave preoccupazione per l'intempestiva sostituzione del commissario dell'Arpa Cocina. Il governo regionale - afferma Mimmo Fontana, presidente regionale di Legambiente Sicilia - ha tenuto chiusi dentro un cassetto, per oltre un anno, circa 70 curricula presentati per il posto di direttore regionale e ora, colto da una fretta apparentemente ingiustificabile, costituisce il vertice dell'Arpa nel bel mezzo di una gravissima emergenza come quella di Bellolampo. Emergenza nella quale proprio l'Arpa si è contraddistinta per tempestività, efficienza e responsabilità”.

Il commissario straordinario è stato sostituito dopo undici mesi di mandato da Francesco Licata di Baucina, fino a ieri direttore generale dell'ente Parco delle Madonie e negli anni scorsi ex direttore dell'azienda ospedaliera Garibaldi di Catania e del Civico di Palermo. “Questa polemica non ha senso – ha dichiarato Alessandro Aricò, (nella foto) assessore regionale al Territorio e ambiente – io ringrazio di cuore il dottor Cocina per il magnifico lavoro svolto, ma l'azienda ha bisogno di stabilità e di un direttore generale che nei prossimi cinque anni cerchi di risolvere anche i problemi interni alla partecipata della Regione. Il nuovo direttore è già a lavoro, per giorno 16 ha già convocato una riunione per fare un punto sulla situazione alla discarica di Bellolampo. Il suo curriculum parla da solo, non è necessario che aggiunga altro”. Inoltre, in base alle dichiarazioni dell'assessore, il decreto di nomina del nuovo direttore generale dell'Arpa è stato ratificato alla fine del mese di luglio, a seguito di un regolare bando pubblico. Una commissione ha vagliato circa sessanta curricula, “non c'è assolutamente nulla di anomalo”.

Stessa serenità sia nelle parole di Cocina: “Non vedo nessuna stranezza nella nomina di un direttore generale, l'assessorato mi aveva già avvisato, non è stato un fulmine a ciel sereno”, che in quelle di Licata di Baucina: “ Io sono già a lavoro, non perdo tempo, so di essere subentrato in un momento delicato, tra emergenza rifiuti e condizioni della discarica di Bellolampo, ma avendo lavorato nell'ambito ospedaliero sono abituato alle emergenze. Questa nomina mi gratifica molto – conclude il nuovo direttore generale - considerando che per motivi anagrafici, probabilmente, questo sarà il mio ultimo incarico, mi ritengo molto soddisfatto”. Ma Legambiente non evita di lanciare un'ombra su questa nomina e il presidente Fontana incalza: "Ci auguriamo che questa forzatura non sia l'ennesimo atto di una campagna elettorale che si è già rapidamente trasformata in un mercato delle nomine. L'Arpa è ormai oggetto di una scientifica destrutturazione da parte del governo Lombardo, realizzata attraverso il taglio dei fondi, la mancata copertura della pianta organica e, adesso, i continui avvicendamenti".

La contrarietà di Lupo
"L'improvvisa sostituzione del commissario dell'Arpa con la nomina di un direttore di dubbia esperienza nel campo della tutela dell'ambiente è quantomeno intempestiva e risponde certamente a una logica pre-elettorale, nel momento in cui Palermo vive un'emergenza ambientale senza precedenti, provocata dall'incendio della discarica di Bellolampo". Lo ha detto il segretario regionale del Pd, Giuseppe Lupo. "L'assessorato alla Salute e la protezione civile regionale - aggiunge Lupo - hanno il dovere di porre in essere ogni intervento utile per scongiurare che la combustione in corso presso la discarica di Bellolampo possa arrecare danni alla salute dei cittadini e all'ambiente". Per Lupo "il governo Lombardo sta sottovalutando i rischi e le possibili conseguenze negative dell'incendio della discarica, approfittando della situazione per procedere all'ennesima nomima clientelare in vista delle prossimi elezioni regionali". "Se il presidente Lombardo - conclude Lupo - non intende avvalersi dei poteri e dei mezzi di cui dispone nella qualità di commissario all'emergenza rifiuti si dimetta anche da questa carica per permettere a un nuovo commissario di avviare immediati interventi di bonifica della discarica di Bellolampo che è una vera bomba ecologica per la città di Palermo".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php