Live Sicilia

La solidarietà dopo le accuse

Ingroia firma per Scarpinato

VOTA
3.3/5
6 voti

anm, antonio ingroia, csm, paolo borsellino, roberto scarpinato, ventennale strage, via d'amelio, Cronaca
Sale a quota 397 il numero delle adesioni alla raccolta firme organizzata da alcuni magistrati in favore del procuratore generale di Caltanissetta, Roberto Scarpinato, posto sotto accusa dal Csm. A raccontarlo è “Il Fatto Quotidiano”. L’iniziativa, nata dai due giudici Francesco Messina, del tribunale di Trani, Cristina Bertotti, del tribunale di Vicenza e da Marco Imperato, pm di Modena, ha raccolto un grandissimo numero di consensi in pochissimo tempo riuscendo addirittura a contare ben 100 nuove adesioni solamente nelle ultime 24 ore. Gli ultimi firmatari, almeno per il momento, sono stati Antonio Ingroia, procuratore aggiunto di Palermo ed il procuratore generale di Bari, Pino Scelsi.

Il perché di questa iniziativa - come racconta ‘Il Fatto’ – risiede nel grande consenso che le parole di Scarpinato hanno raccolto durante l’ultima commemorazione di Paolo Borsellino avvenuta lo scorso 19 luglio a Palermo. Il discorso del procuratore generale di Caltanissetta era piaciuto così tanto ai suoi colleghi che proprio gli organizzatori della raccolta firme ne avevano fatto girare il filmato online come esempio di grande impegno civile ed umano. L’idea di una raccolta telematica di firme è sorta invece quando, in seguito all’apertura della pratica contro Scarpinato, la stessa Associazione nazionale dei magistrati aveva espresso il 26 luglio la propria preoccupazione verso il procedimento che potrebbe prevedere anche il trasferimento d’ufficio dello stesso Scarpinato. In quell’occasione, l’Anm aveva così definito le parole del procuratore: “Una manifestazione di libero pensiero, quale giusto richiamo, nel ricordo delle idee e delle stesse parole di Paolo Borsellino, alla coerenza di comportamenti ed al rifiuto di ogni compromesso, soprattutto da parte di chi ricopre cariche istituzionali”.

 

 

 

 

 

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php