Live Sicilia

Il nuovo numero in edicola

Catania e il dopo-Lombardo
Su "S" il risiko del potere

VOTA
1/5
1 voto

, Politica
Catania, baricentro del potere alle ultime regionali, si prepara. Quattro anni dopo l'exploit, quando i due principali candidati alla presidenza della Regione, Raffaele Lombardo e Anna Finocchiaro, provenivano entrambi dalle falde dell'Etna, la vigilia della nuova campagna elettorale è fatta di una guerra sugli equilibri nei principali snodi del potere. Di questa guerra parla il nuovo numero di "S", in edicola da sabato: un servizio di Antonio Condorelli racconta le lacerazioni in città, passando in rassegna tutti i luoghi del potere.
Comune, porto, aeroporto, interporto e Provincia non andranno in ferie. Ai piani alti si lavora da tempo alla nomina dei nuovi consigli di amministrazione mentre si fanno avanti candidati, sostenitori, intese e spaccature. In un percorso che lacera la città attraversando trasversalmente i partiti - dal Pdl al Pd, passando per Mpa ed Udc – e i palazzi del potere, sino ad arrivare in procura. In municipio le cose non vanno meglio: Raffaele Stancanelli si gioca tutto, il bilancio non è stato ancora approvato, i revisori dei conti richiedono documenti che non arrivano e il consiglio comunale gira a vuoto. E intanto il presidente del consiglio comunale punta sul piano regolatore, argomento chiave per Ennio Virlinzi, Mario Ciancio, i fratelli Costanzo e gli altri cavalieri del cemento.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php