Live Sicilia

SPOYL SISTEM, LE SCELTE DI ORLANDO

Abbonato direttore generale
Giovanni Ferro al cda del Biviere


acquedotto del biviere, cda, comune palermo, direttore generale, giovanni ferro, luciano abbonato, nomina
Sarà Luciano Abbonato il nuovo direttore generale del comune di Palermo. Questo pomeriggio la giunta guidata da Leoluca Orlando ha affidato al sindaco il compito di nominare ufficialmente il nuovo super-burocrate di Palazzo delle Aquile, nelle cui mani sarà messa la macchina operativa dell'amministrazione del Professore.

Una nomina, quella di Abbonato, che non sorprende. Il nome del commercialista, infatti, era il più accreditato sin dalla vittoria del 21 maggio. Già direttore generale del comune di Caltanissetta, Abbonato è un fedelissimo di Orlando della prima ora: era stato anche designato come assessore nel 2007, quando però vinse l'uscente Diego Cammarata. E il primo cittadino lo ha voluto accanto anche questa volta: prima come fidato consigliere e adesso come strettissimo collaboratore.

Una poltrona, quella di Abbonato, di primissimo piano. L'incarico, sinora, era stato retto ad interim dal segretario generale Fabrizio Dall'Acqua e, prima del commissario Latella, ricoperto da Gaetano Lo Cicero sotto Cammarata. Da Abbonato dipenderanno lo Sviluppo organizzativo, la Pianificazione strategica, la Statistica e l'ufficio di controllo e riorganizzazione delle società partecipate, forse il compito più cruciale dei prossimi anni.

Ma Abbonato non è l'unico fedelissimo di Orlando a tornare sulla scena, grazie allo spoil system voluto dal Professore. All'acquedotto consortile del Biviere, infatti, è stato nominato come componente del cda Giovanni Ferro, già deputato regionale e capogruppo di Primavera siciliana, già assessore al Personale della giunta Orlando e già primo firmatario del manifesto per il ritorno in campo del sindaco lo scorso marzo, poco dopo le primarie che sancirono la vittoria di Fabrizio Ferrandelli. Ferro faceva parte del comitato "Palermo Bene Comune”, proprio a sostegno della sorella del magistrato ucciso dalla mafia, per poi divenire dopo le primarie il primo sostenitore del ritorno del Professore. Insomma, ancora una volta Orlando si rivolge all'usato sicuro e mette, nei posti di potere, fedelissimi di antica data ma a prova di fedeltà.

La posizione di Giulio Tantillo (Pdl)
"Vorrei capire perché il sindaco ha scelto una persona esterna all'amministrazione - dice il capogruppo del Pdl - vorrei sapere infatti dove sta scritto che il direttore generale del Comune non possa essere un interno. Qual è la legge che lo vieta? Prima verifichiamo se all'interno della pianta organica dell'amministrazione ci sono le competenze adeguata e solo dopo, qualora non ci fossero, si guarderà a professionisti esterni".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php