Live Sicilia

ARRESTATI PER UNA RAPINA IN BANCA

Palermitani ladri in trasferta
per pagarsi ferie extralusso

VOTA
5/5
5 voti

banca, rapina, Cronaca
Una rapina da 100 mila euro in banca, per godersi un periodo di ferie di lusso. Sarebbe questo il motivo che ha spinto tre palermitani ad assaltare il 2 agosto scorso la filiale di Intesa San Paolo a San Zenone al Lambro (Milano), per poi rifugiarsi in provincia di Reggio Emilia, a Casalgrande, dove i tre sono stati però intercettati e arrestati dai carabinieri di Pesaro, da tempo sulle tracce della banda.

Carmelo Aprile, Francesco Bono e Tommaso Rositano erano entrati nell'istituto di credito fingendo di essere armati, anche se non lo erano. Dopo aver neutralizzato il direttore, due dipendenti, due clienti e la donna delle pulizie legandoli ai polsi con fascette di plastica, avevano rinchiuso tutti in uno sgabuzzino. Per un'ora hanno atteso l'apertura della cassaforte a tempo, per poi scappare con 100 mila euro in contanti e una somma consistente di dollari Usa e franchi svizzeri a bordo di un'Audi A3, diretti a Casalgrande. Dove ad ospitarli sarebbe stato un loro concittadino, operaio, denunciato a piede libero.

La segnalazione sui banditi, che avevano agito con il volto parzialmente coperto, è arrivata anche a Pesaro, dove i carabinieri del Nucleo investigativo stavano già indagando sui tre palermitani sospettati per colpi analoghi commessi nella zona. Quando Aprile, Bono e Rositano sono stati fermati, su disposizione del pm di Reggio Emilia Marco Niccolini, avevano già le valige pronte per la vacanza. Il bottino è stato interamente recuperato, mentre a bordo dell'Audi c'erano parte degli abiti indossati durante la rapina.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php