Live Sicilia

Scuola

Maturità, secondo round
Aristotele al classico

2012, aristotele, classico, esami maturità, tracce

Seconda prova degli esami di maturità. Al classico traduzione dal greco di un brano di Aristotele: "Non il caso ma la finalità regna nelle opere della natura". Allo scientifico quesiti di geometria analitica e Lagrange.

VOTA
0/5
0 voti

L'ultima volta era accaduto nel 1978 e a 34 anni di distanza torna un brano di Aristotele, da tradurre dal greco, sui banchi degli studenti dei licei classici:  "Non il caso ma la finalità
regna nelle opere della natura". Il filosofo ellenico è considerato uno degli autori più difficili da affrontare. Negli altri indirizzi scolastici si affronta la prova specifica del percorso formativo: allo scientifico quesiti di geometria analitica e un'applicazione del teorema di Lagrange, al linguistico la lingua straniera, all'artistico la figura disegnata.

Anche questo esame, come la prova di italiano di ieri, è predisposto dal ministero, ma varia da indirizzo a indirizzo. Ha come obiettivo quello di accertare che il candidato abbia specifiche conoscenze relative al corso di studi frequentato.Per gli istituti tecnici e professionali sono state scelte materie che, oltre a caratterizzare i diversi indirizzi di studio, hanno una dimensione tecnico-pratico-laboratoriale. Per questa ragione la seconda prova può essere svolta, come per il passato, in forma scritta o grafica o scritto-grafica o scritto-pratica, utilizzando, eventualmente, anche i laboratori dell'istituto. Naturalmente restano validi anche oggi i divieti all'uso di telefonini, palmari pc e affini. In classe saranno ammessi soltanto, come da tradizione, dizionari di lingua e calcolatrici non programmabili.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento