Live Sicilia

FORMAZIONE PROFESSIONALE

Lettera aperta della Cisl scuola:
"Il 2012 comincia nell'incertezza"

VOTA
0/5
0 voti

cisl, formazione professionale, sicilia, Cronaca


Pubblichiamo la lettera aperta della Cisl scuola Sicilia inviata al governo regionale e ai deputati dell'Ars sullo stato della Formazione professionale.

“Formazione Professionale ancora nel caos e nell’emergenza. Ritardo nelle attività e stipendi non pagati da mesi. Vi eravate impegnati per un 2012 normale, ma il nuovo anno inizia all’insegna della sospensione dal lavoro e nell’incertezza della Cig in Deroga (per quanto tempo potrà sostenere il reddito?). In una Regione normale, capace di programmare, consapevole dei vincoli di bilancio e del pesante indebitamento e con un sindacato che chiede di riorganizzare il settore, tutto questo non sarebbe mai accaduto.

Invece ancora oggi registriamo i soliti cronici e strutturali problemi che penalizzano gli operatori del sistema della F.P. Dopo la scelta condivisa di finanziare il settore con il Fondo Sociale Europeo bisognava affrontare, urgentemente e contestualmente, le emergenze e le questioni di prospettiva per una vera, efficiente ed efficace riorganizzazione dell’intero settore. Occorre che il Governo e l’ Amministrazione Regionale onorino gli impegni assunti! E invece ancor oggi continuiamo a denunciare:

• Il ritardo insostenibile nel pagamento degli stipendi riferiti alle tre filiere – Interventi, Servizi e OIF (Obbligo Istruzione e Formazione);

• La mancata definizione delle procedure per la piena esigibilità delle somme relative al completamento del PROF (24%);

• L’insostenibilità della situazione circa la previsione dell’avvio delle attività 2012 di cui all’avviso 20;

• Le difficoltà burocratiche frapposte tra il rispetto delle procedure e l’esercizio pieno dei diritti dei lavoratori (che spesso pagano gli effetti degli errori del Governo e dell’Amministrazione Regionale);

• La mancata attivazione del Fondo di garanzia per l’integrazione delle indennità di Cig in deroga, a sei mesi dalla L. 10/2011;

• La mancata regolamentazione degli strumenti per incentivazione alle dimissioni volontarie ed accompagnare alla pensione con i gravi effetti preclusivi dovuti all’ultima riforma del sistema pensionistico;

• Le incertezze sulla garanzia della piena applicazione del Ccnl e delle leggi regionali del settore ivi compresi gli istituti contrattuali previsti anche dalle leggi;

• Le mancate soluzioni al pagamento delle retribuzioni arretrate degli anni passati mediante una legge di interpretazione autentica dell’art. 6 della L.R. 24/76;

• La mancata definizione dell’elenco ad esaurimento dei lavoratori del settore impegnati nelle tre filiere che compongono tutto il settore;

• La mancanza di un progetto per la riqualificazione e ricollocazione nel sistema dei lavoratori in esubero o provenienti dagli enti de finanziati;

• La mancanza di un progetto di tutela del reddito e dell’occupazione per quei lavoratori che rischiano di uscire dal sistema della F.P. rispetto alla previsione di “esuberi strutturali”;

• La mancanza di una strategia che definisca una più adeguata regolamentazione dell’accreditamento degli enti;

• La mancanza di una progettualità nei confronti della necessita’ di tutelare il personale degli enti in difficoltà e/o a rischio di chiusura e che già hanno proceduto ai licenziamenti.

I Lavoratori hanno diritto a certezze, soluzioni e rispetto della loro dignità. La Cisl Scuola chiede al Governo Regionale l’istituzione di un tavolo di emergenza e di crisi dell’intero settore della Formazione Professionale per affrontare i problemi dei lavoratori: occupazione e retribuzioni; velocizzazione procedure del Fondo Sociale Europeo; nuove regole per riorganizzare il settore”.

Il Reggente Cisl Scuola Sicilia Angelo Prizzi


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php