Live Sicilia

E' ai domiciliari

Contrada, rigettata
la richiesta di scarcerazione

VOTA
0/5
0 voti

, Cronaca
La seconda Corte d'appello di Caltanissetta ha rigettato la richiesta di scarcerazione di Bruno Contrada, che ha compiuto 80 anni il 2 settembre scorso, in attesa dell'udienza del prossimo 8 novembre sulla revisione del processo all'ex funzionario del Sisde condannato a 10 anni di reclusione per concorso esterno all'associazione mafiosa. Il provvedimento, che respinge l'istanza dell'avvocato Giuseppe Lipera, è firmato dal presidente della Corte, Sergio Nicastro, e dal giudice estensore Giovanni Carlo Tomaselli.

Secondo i giudici ''gli elementi prospettati'' nella richiesta di scarcerazione ''non appaiono allo stato, e fatta salva ogni ulteriore rivalutazione in sede di giudizio di revisione, concretamente idonei a fare sorgere l'eccezionale necessità di sospendere l'esecuzione della pena''. La sentenza nei confronti di Contrada è stata emessa il 5 aprile del 1996 dal Tribunale di Palermo, ed è diventata esecutiva, con provvedimento della Cassazione, il 10 maggio del 2007. L'ex funzionario del Sisde sta scontando la condanna agli arresti domiciliari a Palermo, per gravi motivi di salute.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php