Live Sicilia

Scontro nel Pd

Faraone: "Ora dimettiti"
Cracolici: "Poco credibile"


, Politica
Polemica. Attacco. Difesa. Ferri corti nel Pd, tra Faraone e Cracolici. Di pomeriggio la botta: "
Ritrovare serenità per ripartire”. Parole di Davide Faraone, deputato regionale del Pd all’Assemblea regionale siciliana che ha chiesto al presidente del gruppo parlamentare all’Ars del Pd, Antonello Cracolici, di rassegnare le dimissioni. “Al Pd io voglio bene e non posso assistere al suo deperimento. Non posso accettare che le ragioni degli eletti prevalgano sulle passioni di una comunità democratica fatta di iscritti, militanti, elettori e simpatizzanti del Pd che in maggioranza dicono no al matrimonio con Lombardo e chiedono innovazione e cambiamento vero. Le classi dirigenti devono essere in sintonia con la gente e se non lo sono devono prenderne atto. E’ la democrazia, che è fatta di numeri ma soprattutto di passioni. Chiedo quindi a Cracolici  se vuole bene a questo partito, di rassegnare le dimissioni da capogruppo del Pd all’Ars per evitare spaccature che non farebbero solo male al Pd ma alla Sicilia intera”.

La replica di Cracolici stasera: "Pierino-Faraone non sa più cosa inventarsi, evidentemente sta vivendo la sua auto-candidatura a sindaco come una vera e propria ossessione: ma per apparire sulla stampa potrebbe cambiare argomento, non c’è bisogno di attaccare sempre e solo il proprio partito. Faraone è stato veltroniano, dalemiano, poi è passato con Violante, con Anna Finocchiaro, con Lumia… e fino a poco tempo fa, prima di mettersi al seguito di Renzi, era favorevole al sostegno al governo. Per carità, cambiare opinione è lecito, ma se la si cambia troppe volte si finisce per diventare poco credibili”.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php