Live Sicilia

Rapina e tragedia. Parla l'aggredito

"Hanno colpito mia moglie
E non ci ho visto più"


aggressione, giacomo li castri, renato di blasi, villaggio santa rosalia, Cronaca
Parla Giacomo Li Castri, l'inserviente aggredito durante la violenta rapina di martedì notte al centro scommesse Eurobet, al villaggio Santa Rosalia. Il trentanovenne, residente in via Vincenzo Madonia , nei pressi del luogo della rapina, è ancora sotto shock. Un volto indefinibile quello di Giacomo, non si capisce se sia quello di un ragazzo carico dei suoi anni o quello di un adulto dall'età incerta. Nello scontro con i rapinatori ci ha rimesso due denti, ha i seni paranasali doloranti, il setto nasale indolenzito. Abbassa la testa e mostra il cranio, toccandosi con una mano tremante. Capelli radi, occhi persi nel vuoto e tanta voglia di sfogarsi. "Quando hanno messo le mani addosso a mia moglie non ci ho visto più, non me la deve toccare nessuno", dice.

Ci riceve nella stanza numero 5 del reparto di medicina d'Urgenza presso cui è ricoverato. Seduto, dolorante. Sua moglie lo imbocca: un po' di patate bollite, una fettina di pollo impanato. "Non riesco neanche ad inghiottire, mi hanno massacrato senza alcun motivo - dice Giacomo -. Continuavano a chiedermi le chiavi ma noi non le avevamo". Dopo le minacce, i malviventi sono passati alle vie di fatto, una volta afferrato il bottino e imboccata la porta esterna i banditi sono tornati indietro per punire e zittire Li Castri che chiedeva aiuto. "Per difendere me e mia moglie ho vibrato un colpo di estintore alla nuca di uno dei rapinatori, adesso è morto e io sono indagato per omicidio volontario".

Renato di Blasi, infatti, è spirato la scorsa notte: l'intervento chirurgico cui era stato sottoposto non è servito.
"Non si capiva nulla - continua Li Castri - c'era schiuma dappertutto, i rapinatori hanno cominciato a spruzzare il contenuto dell'estintore in tutto il locale e poi lo hanno usato per forzare le macchinette mangiasoldi. Non volevano sentire ragioni, continuavano a darmi calci, pugni. Mi sono beccato un pugno così forte che sono scivolato contro una vetrata e ho battuto la testa. Non posso camminare, mi fanno male le gambe".

Una vita dura quella di Giacomo Li Castri, gli studi interrotti quando era appena un ragazzo e tanti lavori, sempre saltuari: muratore, traslocatore, addetto alle pulizie. Un padre anziano che percepisce la pensione minima e le bollette da pagare. I soldi non bastano mai. "Perderò giorni di lavoro, non so come fare, ho bisogno di una mano". Giacomo Li Castri è stato descritto come un uomo mingherlino, di certo non è un colosso ma ha avuto la forza di difendere il suo amore, Lucia Viola, 19 anni. "Si sono accaniti contro di noi, è stato un massacro in piena regola, non ci capivo niente, non riuscivo a respirare mi sentivo "accupato", l'aria era irrespirabile. Ho urlato loro di andare via dopo che avevano preso il denaro e, invece, mi hanno derubato anche del cellulare e del portafogli. Quando ho cominciato ad urlare si sono indispettiti e sono tornati indietro per picchiarci ancora. Ho perso la testa quando hanno messo le mani addosso a Lucia e ho colpito Di Blasi alla nuca poi sono caduto anche io per terra e quando mi sono ripreso il complice non c'era più. Di Blasi era un "tavaro" e mi ha colpito da tutte le parti".

Un sole che sorride e un dragone, due tatuaggi sulle gambe: "Il terzo me l'hanno fatto i rapinatori sulla caviglia, guardi com'è ridotta, non sono neppure come mi abbiano colpito. Una volta i malviventi andavano a fare i loro colpi fuori dal quartire in cui vivevano, oggi "a ura ri picciuli si scuirdaru puru a dignità di latro "".

(Foto Maniscalco)


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php