Live Sicilia

Rigassificatore, Venturi contro Russo

"Baby pensionato prestato alla politica"
"E tu ricorri all'insulto personale"

VOTA
0/5
0 voti

rigassificatore, russo, venturi, Politica
"Per l'ex burocrate regionale, baby pensionato, ora prestato alla politica è dunque ragionevole un lasso di tempo di sei anni per rilasciare un'autorizzazione". L'assessore regionale alle Attività Produttive
Marco Venturi (nella foto) ribatte così al suo collega di giunta con delega alle Infrastrutture e mobilità, Pier Carmelo Russo che ha definito "istruttorie incomplete e frettolose, da parte dell'amministrazione regionale" che hanno provocato la sentenza con la quale il Tar del Lazio ha bocciato il rigassificatore di Porto Empedocle.

"Perché sono proprio sei anni - osserva Venturi - il tempo trascorso prima che si arrivasse alla fase conclusiva dell'iter autorizzativo per il rigassificatore di Porto Empedocle. Per quel che mi compete le misure compensative furono valutate, discusse e concertate con tutti gli attori della vicenda e con il presidente della Regione nel periodo compreso tra giugno ed agosto del 2009". "Voglio ricordare a Russo che mi ero appena insediato come assessore all'Industria e si era giunti ormai alla fase conclusiva dell'iter - aggiunge - in cui anche il comune di Agrigento ha ottenuto diversi 'benefit' nell'ambito delle misure compensative, tra cui il potabilizzatore. Il gasdotto è un'opera alla cui realizzazione deve provvedere la Snam-Progetti e non c'entra nulla con le suddette compensazioni".

"Mi chiedo infine se il solerte burocrate-politico, in qualità di ex assessore all'Energia, si è interessato per far costituire la Regione - conclude - nella fase di primo giudizio presso il Tar del Lazio al fine di tutelare l'immagine e gli interessi della Regione. E sono curioso di sapere quali altre pillole di verità Piercarmelo Russo rivolgerà all'attuale assessore all'Energia qualora decidesse di perorare il ricorso al Consiglio di Stato avverso questa sentenza di primo grado".

"L'ultimo assessore all'Industria cerca di rifuggire dalle proprie gravi responsabilità, amministrative e professionali, sanzionate allo stato dalla Giustizia Amministrativa, ricorrendo all'insulto personale: una tale condotta lo squalifica definitivamente innanzi tutto sul piano umano e non vale la pena di commentarla". Lo ha detto l'assessore alle infrastrutture Pier Carmelo Russo rispondendo all'assessore alle attività produttive Marco Venturi. "Sono convinto del fatto che, con un po' di ragionevolezza, di buona volontà, qualora ci si fosse confrontati con il sindaco di Agrigento, - ha aggiunto - piuttosto che escluderlo con protervia, nessun contenzioso sarebbe sorto, nessun ricorso sarebbe stato presentato, nessun ulteriore ritardo nella realizzazione del rigassificatore di Porto Empedocle si sarebbe prodotto E questo è un dato che rimane, a prescindere dai giudici e dalle sentenze".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php