Live Sicilia

Fini: "Berlusconi non ha vinto"

La rabbia del grande sconfitto


fiducia, gianfranco fini, governo, parlamento, silvio berlusconi, Politica
(pol) Gianfranco Fini, il grande sconfitto, condensa la sua rabbia schiumante in una gelida dichiarazione mediatica. Eccola: "La vittoria numerica di Berlusconi è evidente quanto la nostra sconfitta, resa ancor più dolorosa dalla disinteressata folgorazione sulla Via di Damasco di tre esponenti di Futuro e Libertà. Che Berlusconi non possa dire di aver vinto anche in termini politici sarà chiaro in poche settimane". Nel frattempo, il Pdl chiede a gran voce la sua testa. Invoca le dimissioni dalla carica di presidente della Camera. E con visibile ragione. Gianfranco Fini ha giocato un gioco estremo e ha perso. E' stato (è) il capitano della squadra che vorrebbe ancora mandare a casa l'ex amico Berlusconi. E' una forma attiva di legittima partigianeria politica che però - ci sembra - escluda la coesistenza con un ruolo di garanzia.

Peccato per lui. Fini ha ampiamente dimostrato di non essere un uomo senza qualità. E' riuscito a uscire indenne dagli schizzi di fango lanciati a tutta birra dall'apposita macchina propagandistica della stampa berlusconiana. Ha saputo soffrire. Ha tenuto botta. Piano piano, è riuscito a risalire lungo la china ripida che l'aveva visto precipitato e soccombente in un primo momento. La mozione di sfiducia alla Camera doveva rappresentare il coronamento, il piatto di una vendetta umana e politica da consumare a freddo, con maggiore gusto. Fini ha sbagliato i conti. Non è stato capace di valutare la forza "persuasiva" del suo grande nemico. Alla sua età, un errore fatale.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php