Live Sicilia

Studenti in piazza

La morte della scuola


banchi, morte, scuola, studio
Alcuni studenti hanno assalito la libreria "Mondadori" (nella foto) in via Ruggero Settimo. Ragazzi contro le parole, non è una buona notizia. Non si crea nulla da qui.
Hanno sporcato le vetrine con scritte rosse e ingiuriose. Hanno costretto il personale a una faticaccia supplementare per ripulire tutto. Altri hanno occupato la pista dell'aeroporto di Palermo. Altri ancora hanno bloccato il porto e la stazione. La manifestazione è in corso.  Questa protesta si è già trasformata in violenza. E' violenza occupare gli spazi pubblici, i luoghi in cui la gente cammina, vive e respira. E' violenza limitare i movimenti delle persone, anche in nome di un diritto che si esige per democrazia.
E' violenza mettere a ferro e fuoco, metaforicamente ma non troppo, una città, saccheggiandola e cingendola d'assedio, con una tenaglia rabbiosa. La violenza senza barlume di riflessione - o peggio, che dalla riflessione si vorrebbe legittimata - annacqua sempre le ragioni di una rivendicazione, ammesso che siano giuste: dovrebbe essere la lezione regina della scuola. I banchi sono fatti e costruiti per imparare la complessa, amorevole e delicata mediazione tra punti di vista, che è la chiave buona e corretta di una esistenza civile, del dialogo.

La scuola è, in teoria, la casa in cui una coscienza libera e tollerante apre le ali e si prepara a spaziare in un universo più vasto. La storia è l'arte dell'esperienza, la letteratura è la pagina della poesia, la geografia segna confini e insegna il sentimento del limite. Le nozioni sono un pretesto utile, legna che arde. Al fondo della scuola, come dovrebbe essere, riposano etica, saggezza e bellezza che una protesta nelle forme subite oggi non difende, perché è estranea a quel patrimonio prezioso.
Se gli studenti fanno quello che hanno fatto stamattina, se assaltano una libreria, piena di libri - piena delle parole dei poeti - per cui sarebbe giusto nutrire rispetto e amore, testimoniano fino al paradosso l'assurdità della loro condizione. Non vale la pena di combattere per la scuola. La scuola è già morta.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php