Live Sicilia

La consultazione con la base

Bufera nel Pd, Bianco e Burtone
spingono sul referendum

VOTA
0/5
0 voti

enzo bianco, giovanni burtone, pd, Politica
Bufera nel Pd nel commento al risultato da plebiscito ottenuto da Crisafulli in sei Comuni dell'ennese. Alla base del partito democratico è stato chiesto se condividesse il sostegno a Lombardo. Un secco 'no' in risposta è arrivato dal 97% dei votanti. Così oggi, inevitabilmente, la classe dirigente dei democratici dovrà fare i conti con questo risultato. E già qualche voce comincia ad alzarsi. le prime battute sono del senatore Enzo Bianco e del deputato Giovanni Burtone.

"
Come volevasi dimostrare dai primi risultati del referendum lanciato dal Pd a Enna e in alcuni Comuni della provincia emerge una straordinaria partecipazione popolare, addirittura superiore alle primarie per l'elezione dei segretari regionale e nazionale del partito". Lo afferma il senatore Enzo Bianco, presidente dei LiberalPd rinnovando la richiesta di un referendum regionale.

"Quando si propongono quesiti chiari - sottolinea Bianco - i nostri elettori rispondono. E ad Enna sono stati sconfitti quelli che nel partito si arroccano in atteggiamenti poco coerenti e autoreferenziali. Chi pensava che la base del Pd potesse digerire se non addirittura sostenere l'incredibile operazione di appoggiare il governo Lombardo - aggiunge l'esponente del Pd - adesso è servito. La stragrande maggioranza degli elettori ha espresso un giudizio negativo sul piano politico e sul piano morale sul presidente della Regione e non digerisce la scelta di appoggiare chi è stato avversario nella competizione elettorale. I valori del Pd sono lontani mille anni luce dalla storia politica e dai comportamenti di Raffaele Lombardo".

"I numeri del referendum sono chiari come la luce del sole e la dirigenza del partito non può non tenerne conto e ora sarebbe incomprensibile non promuovere un referendum in tutta la Sicilia - conclude Bianco - e non si accampino difficoltà burocratiche; è solo questione di volontà politica, quella di sentire i nostri elettori".

Anche Giovanni Burtone interviene sul dibattito mediatico riguardo alla consultazione con la base del partito: "Il dato che emerge dal referendum promosso dal Pd a Enna testimonia il malessere della base all'appoggio al governo Lombardo - ha detto Burtone - ancora una volta ribadisco la necessità di dare voce al popolo delle primarie".

"A Enna per il referendum pro o contro Lombardo - sottolinea Burtone - si è registrata una percentuale di partecipazione superiore alle primarie. Ma l'aspetto, a mio avviso, più significativo è che la stragrande maggioranza dei partecipanti ha detto 'no' al sostegno a Lombardo. Ora è necessario dare voce alla base in tutta la Sicilia, non si può fare finta di niente".

Burtone sollecita "anche la dirigenza, a cominciare da quella catanese, a non chiudere gli occhi. La classe dirigente del partito - auspica - si apra al confronto, l'attuale chiusura rischia di creare danni irreparabili. Per quanto mi riguarda il giudizio sull'azione del governo regionale resta fortemente critico: siamo in presenza di una incapacità politica complessiva, c'é una Sicilia in ginocchio. Non c'é una sola questione affrontata e risolta: sanità, rifiuti e fondi comunitari sono l'esempio di come il governo Lombardo a parole parla di una pagina nuova per la nostra terra, ma nei fatti - conclude Burtone - tutto è fermo al palo: la sanità è allo sfascio, la questione rifiuti è rimasta irrisolta e i soldi dei fondi comunitari restano inutilizzati".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php