Live Sicilia

La protesta dei due imprenditori coraggio

"Ci avete abbandonati", Cutrò e Grasso
si incatenano davanti al Viminale

VOTA
0/5
0 voti

ignazio cutrò, senato, valeria grasso, Cronaca
Gli imprenditori Ignazio Cutrò agrigentino, e Valeria Grasso, palermitana, si sono incatenati davanti al ministero dell'Interno a Roma denunciando di "essere stato abbandonati" dopo aver testimoniato per la giustizia e chiedendo "sicurezza e dignità".

"Lo Stato italiano mi ha prima usato per istruire un processo al gotha mafioso del bivonese e della bassa quisquina e poi mi ha abbandonato al mio destino. Ora basta, fino a quando non mi sarà restituito il mio lavoro, la mia sicurezza e la mia dignità di imprenditore che ha denunciato cosa nostra, io rimarrò incatenato davanti al Ministero dell'Interno. Se la mafia non mi ha ancora ucciso allora mi lascerò morire di fronte all'indifferenza delle istituzioni", dice Cutrò. "Finché il ministro dell'Interno - aggiunge - non ci riceverà e non ci metterà per iscritto che risolverà i problemi, che prima di schierarci con lo Stato non avevamo, noi rimarremo qui, incatenati, per tutto il tempo che servirà".

Valeria Grasso dice: "Non vorrei convincermi anch'io che denunciando i miei estorsori, esponenti del clan Madonia che taglieggiavano la mia palestra, abbia fatto il più grande sbaglio della mia vita". "Prima lavoravo - prosegue - avevo tantissimi clienti e gestivo due palestre. Poi ho trovato il coraggio di denunciare le vessazioni che subivo da parte della mafia e in un sol colpo la cosca è stata smantellata; io ho perso tutto. Ho scritto alle più alte cariche dello Stato e sono stata ignorata, come fossi trasparente".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php