Live Sicilia

A rischio i tempi d'approvazione del bilancio

Ars, si allarga la "finestra"
Ddl proroga in Aula martedì

VOTA
0/5
0 voti

commissione bilancio, commissione lavoro, pdl, pid, precari, Politica
E la finestra diventò un finestrone. La maretta odierna in commissione Bilancio ha portato un piccolo stravolgimento nel frenetico calendario dell'Ars sulla quale grava la scadenza imminente per la sessione di bilancio. C'è da approvare il ddl di proroga per i precari, che oggi doveva approdare in Aula dopo il passaggio in commissione Bilancio di stamattina. Ma lì, Pdl e Pid hanno fatto ostruzionismo, sollevando anche una, fondata, questione di merito, ossia la competenza in materia della commissione Lavoro. E alla fine, l'opposizione l'ha spuntata. Le norme sulla proroga dei contratti dei precari dovranno passare, prima di finire in Aula, dalla quinta commissione (sotto forma di emendamento del governo), che si riunirà domattina alle 10.

Il testo, quindi, sarà esaminato e completato dalla commissione Lavoro, poi ci dovrebbe essere un ulteriore passaggio dalla commissione Bilancio e, come stabilito oggi pomeriggio dalla conferenza dei capigruppo, l'Aula lo incardinerà martedì 7 dicembre, per esitarlo entro giovedì. Si allarga, dunque, la "finestra" aperta a Sala d'Ercole che ha interrotto l'iter della sessione di bilancio.

In Aula, Vinciullo del Pdl ha chiesto di accelerare i tempi, convocando già per stasera la commissione Lavoro. Di certo, l'allargamento della finestra rischia di compromettere il rispetto dei tempi per l'approvazione di bilancio e finanziaria, che vanno votati entro il 31 dicembre per scongiurare il ricorso, per il terzo anno di fila, all'esercizio provvisorio. Oggi, dopo le novità della mattina, tra i deputati c'era un certo pessimismo sull'effettiva possibilità di rispettare la scadenza di fine anno.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php

articoli correlati

21 Precari, nella finanziaria solo una proroga

La beffa della stabilizzazione

Era solo di due giorni fa l'annuncio in pompa magna del governatore Raffaele Lombardo. "La parola precariato non dovrà più fare parte del vocabolario dell’amministrazione pubblica in Sicilia" aveva detto presentando il disegno di legge “Misure urgenti a sostegno dell’occupazione” a sindaci e amministratori locali delle province di Trapani e Palermo. Ma arriva una brusca frenata per il percorso di stabilizzazione di 22.500 precari negli Enti Locali dell’Isola