Live Sicilia

Storia di una donazione agli asili comunali

"Così vivrà il sorriso
di Sabrina e Loredana"

VOTA
0/5
0 voti

asili, comune, donazione, Cronaca
Adesso Palermo ricorderà Sabrina e Loredana. È questo il motivo che ha spinto papà Lorenzo e mamma Maria a donare al Comune di Palermo il risarcimento danni di 250 mila euro per la morte delle loro figlie. Due ragazze e un motorino, falciate da un camion quasi 26 anni fa. Su quella giornata di fine estate mamma Maria preferisce sorvolare: “Non me ne faccia ricordare – dice –, quel giorno un camion ha rovinato la mia vita. Sono passati 24 anni prima che arrivasse il risarcimento. Negli anni, intanto, abbiamo sempre cercato di mantenere viva la memoria di Sabrina e Loredana. All'inizio a scuola – il Vittorio Emanuele di Palermo, frequentato da entrambe le ragazze – organizzavamo anche i campionati sportivi. Poi, che ci vuole fare, gli anni passano, i ragazzi crescono e prendono altre strade. Ma abbiamo mantenuto l'annuale borsa di studio, che organizziamo insieme a un'insegnante del liceo. Prima i ragazzi concorrevano con dei temi, adesso invece facciamo un concorso di poesie. Sono ancora poche quelle raccolte, ma alcune sono molto belle e stiamo penando a una futura pubblicazione”.

Intanto il progetto sugli asili nido. “Io e mio marito avevamo già in mente di donare i soldi che avremmo ricevuto e stavamo valutando la destinazione, volevamo assicurarci che andassero in buone mani”. Così, da un servizio visto in tv sugli asili comunali vandalizzati, i due coniugi si sono messi in contatto con l'assessore all'istruzione, Francesca Grisafi. “Con lei è nato un ottimo rapporto – continua mamma Maria –, è una persona di cui ci fidiamo e che è diventata per noi un punto di riferimento”. Lì è iniziato il pellegrinaggio tra gli asili nido, alla ricerca di quelli più disastrati in cui investire i fondi a disposizione. Sono sei, le strutture comunali inagibili che verranno ristrutturate. Tra questi, il nido del quartiere Bandita, che non aveva ancora un'intestazione ed era chiuso perché appunto inagibile, porterà il nome di Sabrina e Loredana La Malfa. Così, mentre dall'assessorato all'istruzione assicurano che parte dei fondi è già stata utilizzata per l'acquisto dei materiali, i due coniugi seguono personalmente i lavori. “Speriamo che l'asilo della Bandita sia pronto già a settembre, in modo da inaugurare l'anno scolastico con i tanti bambini che potranno frequentarlo. Sarò felice se ci sarà tanta gente – conclude mamma Maria –, se ci saranno le mamme e i ragazzi che continueranno così a ricordarsi di Sabrina e Loredana, anche se per noi il risvolto della medaglia resta un vuoto incolmabile”.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php