Live Sicilia

La Corte dei conti

Fondi europei, irregolarità
nell'erogazione di 95 milioni

VOTA
0/5
0 voti

corte dei conti, Feoga, fondi ue, irregolarità, regione siciliana, Economia, Politica
La sezione di Controllo della Corte dei Conti, presieduta da Rita Arrigoni, ha concluso l'indagine sulle frodi e sulle irregolarità nell'utilizzo dei finanziamenti destinati alla Sicilia del Fondo europeo agricolo di orientamento e garanzia (Feoga) per il periodo di programmazione 2000-2006. L'indagine, curata da Giuseppa Cernigliaro, si è svolta nei confronti dell'ex assessorato Agricoltura e foreste (ora alle Risorse agricole e alimentari) e ha riguardato soprattutto il funzionamento dei controlli interni attivati dall'amministrazione regionale. Secondo i dati dell'ufficio Antifrode della Commissione europea, "la Sicilia è fortemente interessata dal fenomeno delle irregolarità". Per quanto riguarda il Feoga, gli importi non regolari riferiti alla programmazione 2000-2006 ammontano a oltre 95 milioni di euro, di cui 45 milioni relativi ai fondi sinora gestiti dall'Agea (sezione Garanzia del Feoga) e 50 milioni relativi ai finanziamenti gestiti dalla Regione siciliana (sezione Orientamento del Feoga). La relazione della Corte evidenzia "la necessità di potenziare le iniziative di contrasto alle irregolarità non limitandosi ai controlli documentali, ma intensificando i controlli con accesso diretto presso le aziende beneficiarie. Significativa a riguardo appare la circostanza che le irregolarità di importo più consistente vengano individuate soprattutto dalla magistratura e dalla Guardia di finanza".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php