Live Sicilia

La storia del giudice in carcere

Con Paolo la speranza all'Ucciardone

VOTA
0/5
0 voti

borsellino paolo, carcere, ucciardone, Cronaca
Paolo Borsellino parlava di fresco profumo di libertà, che si contrappone al puzzo del compromesso. In tanti, in questi giorni, hanno ricordato le parole del giudice trucidato. Quel fresco profumo di libertà è ritornato diverse volte, negli interventi dei tanti accorsi per onorare il sacrificio di Borsellino e degli agenti della scorta morti il 19 luglio 1992. E proprio di una “nuova aria” ha parlato anche Maurizio Veneziano, il direttore del carcere Ucciardone di Palermo. In occasione dell'anniversario della strage di via D'Amelio, infatti, Veneziano ha scelto di ricordare i fatti del '92 affidandosi alle testimonianze, alle parole e alle immagini raccolte da Gianni Minoli, in una puntata della trasmissione “La storia siamo noi” dedicata alla figura di Paolo Borsellino.

Ad assistere alla proiezione del video, proprio oggi, tra le spesse mura del carcere palermitano una cinquantina di detenuti, che per circa un'ora hanno abbandonato le strette e sovraffollate celle di reclusione per commemorare la strage. Poi le parole dello stesso direttore, intervenuto alla fine della proiezione, seguite da un lungo applauso da parte dei carcerati. “Dirigo questa struttura da nove anni – ha detto Veneziano –. Fino a qualche anno fa non sarebbe stato possibile neanche immaginare la proiezione di un filmato così forte tra le mura del carcere. Ma la funzione di una struttura di reclusione deve essere proprio questa, il fine è il perseguimento dei valori di civiltà, di cittadinanza consapevole. Sono soddisfatto, questa sera è andata proprio bene. Segno, questo, di un'aria nuova anche all'interno dell'Ucciardone, in una struttura limite, che è anche testimone di un pezzo importante della nostra storia, la stessa struttura che ospita l'aula bunker in cui si è tenuto il maxiprocesso. Qualcosa è sicuramente cambiata e se momenti del genere sono realizzabili qui – ha concluso Veneziano – non posso che dirmi ottimista sul futuro”.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php