Live Sicilia

Silvio e il papà dei fratelli Cervi

L'augurio di Travaglio
Gli scongiuri di Berlusconi


berlusconi, cervi, marco travaglio, Cronaca
Ve lo ricordate no, quell'impagabile Berlusconi d'annata? Vi ricordate quando, nel salotto di Vespa, annunciò che si sarebbe senz'altro compiaciuto di incontrare il papà dei fratelli Cervi.  Purtroppo, Alcide Cervi - padre dei sette celebri fratelli massacrati dai fascisti - era già morto da un pezzo.

Una greve ignoranza, un tratto di belletto sull'abisso di una cultura posticcia. E figuratevi se la cosa poteva scappare a Marco Travaglio che si è esibito in uno show molto applaudito a Villa Filippina. Ci hanno riferito fonti autorevoli e plurime di un passaggio non colto da noi in un momento di distrazione (ogni tanto scappa). A quanto pare il Marco de "Il Fatto" ha ricordato la storia di Berlusconi e Cervi, troppo ghiotta. A quanto pare avrebbe pure aggiunto testualmente: sarebbe bello farli incontrare. Magari papà Cervi potrebbe resuscitare.
Ora, siccome è chiaro che papà Cervi non resusciterà, a lume di logica sarà quell'altro, cioè Berlusconi,  a dover morire per mantenere la promessa. Non sfugge la rotta avvelenata della satira. Ma ci pare che l'arguzia travagliesca, nel caso, abbia un cicinino ecceduto. Va bene insultare le anime - direbbe un vecchio saggio - tuttavia lasciate stare i corpi.  

Apprezziamo Travaglio quando, con ago e filo, cuce la stoffa sui buchi neri della nostra storia. E' un lavoro prezioso. Lo apprezziamo perfino quando i suoi dardi, talvolta discutibili, giungono a bersaglio con un'eleganza che fa male.  Ora invece Berlusconi farà gli scongiuri in Mondovisione. Marco - se lo hai detto davvero, con tutte le cose che sai dire - che bisogno c'era?


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php